Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 giu 2022

Fisioterapia abusiva a casa, infermiere dell’ospedale a processo

21 giu 2022

È un infermiere 48enne in servizio all’ospedale San Salvatore. Ma, secondo l’accusa, arrotondava con sedute di fisioterapia senza averne titolo. Oltre a incassare tutto in nero. È finito a processo per esercizio abusivo della professione. Ieri, l’imputato non era presente in aula, accanto ai suoi difensori, gli avvocati Mariella Masanotti e Paolo Biancofiore. Sono sfilati invece alcuni testimoni, la poliziotta che lo avrebbe scoperto e la figlia di una cliente che avrebbe sottoposto ai suoi trattamenti riabilitativi illegali. A farlo finire nei guai, sono stati i social. Nel gruppo Facebook ‘Sei di Pesaro se’ erano comparsi alcuni commenti negativi su questo infermiere che faceva fisioterapia a domicilio senza averne titolo. La poliziotta si era imbattuta nella chat. E, avvistato tra le righe il fumus di reato, si era subito attivata. Aveva contattato i vari partecipanti al post e invitati a presentarsi in Questura. Questi avevano raccontato quello che sapevano e fatto il nome del sanitario. Da qui è scattata la denuncia per esercizio abusivo della professione. Secondo l’accusa, l’imputato era solito avvicinare i pazienti nel reparto di ortopedia, reduci da interventi chirurgici, offrendosi come fisioterapista una volta che venivano dimessi. Quello che avrebbe fatto con la madre della seconda teste di ieri. La quale ha detto che il 48enne sarebbe stato a casa della mamma solo una volta. A pagamento. Ha aggiunto però di non ricordarsi il nome e neppure di essere così sicura di descriverlo con esattezza. Alla prossima udienza, sarà il turno dell’imputato, che dirà in aula la sua verità.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?