LUIGI DIOTALEVI
Cronaca

Fuochi e fiori per la festa del porto Vescovo al timone della motonave Lancio della corona per i caduti

Ieri mattina la processione in mare per onorare una tradizione tra le più care di Pesaro. Piccola suspense iniziale per far uscire le imbarcazioni essendo in corso il fermo pesca.

Fuochi e fiori per la festa del porto  Vescovo al timone della motonave  Lancio della corona per i caduti

Fuochi e fiori per la festa del porto Vescovo al timone della motonave Lancio della corona per i caduti

di Luigi Diotalevi

Chiusura alla grande della festa del Porto intensa, piena di appuntamenti e soprattutto partecipata con tanta gente che è intervenuta alla varie iniziative programmate nel corso di tutta la settimana nel segno della tradizione e della cultura marinara della città. Nel corso della messa solenne, nella chiesa parrocchiale, officiata dall’Arcivescovo, Sandro Salvucci, che nell’omelia, ha detto: "E’ la seconda volta che partecipo alla festa del Porto e mi piace ricorrere all’immagine delle reti. Ancora oggi, al rientro delle imbarcazioni nel porto di Pesaro, possiamo assistere a quella pratica antichissima che è il riassettare le reti da parte degli esperti marinai pescatori. La festa rappresenta una bella opportunità per vivere un tempo di comunità, di preghiera, di incontro, di sano divertimento. Un tempo favorevole per riassettare le reti, per stringere, rinnovare, rafforzare, ricucire rapporti tra persone, famiglie, gruppi e associazioni. Un tempo in cui ritrovare la propria appartenenza a quella rete di relazioni che è alla base di ogni comunità, sempre sotto lo sguardo sorridente della Beata Vergine Maria, Madonna della Scala, esperta nel mettere in collegamento terra e cielo donando Gesù al mondo". Poi sono intervenuti i due sacerdoti della parrocchia, don Marco e don Matteo che hanno aggiunto: "Ringraziamo l’Arcivescovo per la sua vicinanza, tutte le autorità autorità civili e militari in particolare il prefetto Emanuela Saveria Greco, al suo debutto, ed il sindaco Matteo Ricci che da molti anni ci onora della sua presenza. Ed un grazie al coro della Comunità parrocchiale". Poi il sindaco ha puntualizzato: "La festa del Porto è una delle manifestazioni che più richiama lo spirito identitario della nostra città, fatto di tradizione, collaborazione e aggregazione. Caratteristiche che ogni anno si ritrovano nell’organizzazione di questo bellissimo evento, che si inserisce nella ricca programmazione dell’Estate da Capitale". Quindi l’uscita in mare (attimi di suspence per i permessi arrivati da Roma di far uscire i pescherecci in periodo di fermo pesca) a bordo della Queen Elisabeth con tante autorità e seguita da numerose imbarcazioni. Sono state deposte corone d’alloro in onore dei caduti in mare, una all’altezza della spiaggia centrale di Pesaro e l’altra nei pressi della spiaggetta di Fiorenzuola di Focara dove annegarono nel giugno di 21 anni fa due bambini ed una accompagnatrice di Urbino. La giornata era iniziata con il Motoraduno del Mare, organizzato dal Moto Club Tonino Benelli nel piazzale antistante la Capitaneria di Porto. Poi è proseguita con varie manifestazioni, tra cui i giochi dei ragazzi e palo della cuccagna; bolle e palloncini, Fata Silvia, gli artisti di strada, cena allo stand del pesce in Calata Caio Duilio, musica con Joe Castellani e chiusura con lo spettacolo pirotecnico offerto da Xanitalia, Biesse, Rivacold, Cantiere Rossini, 24U srl, Msa Yacht, Calata 15 e quartiere 11 Porto-Mare.

La vendita dei biglietti della lotteria continuerà anche dopo la festa. L’estrazione dei premi si terrà lunedì 17 luglio alle 10.30 nella chiesa parrocchiale in piazza Doria. Ci sono in palio ben 42 premi. Il primo di questa è una cucina Scavolini offerta dal patron Valter. Il secondo è una bici elettrica Eros Cicli e il terzo + un deumidificatore portatile e poi abbonamenti alla Vuelle ma anche abbonamenti per parcheggiare al Curvone. L’estrazione sarà pubblicata dal Resto del Carlino.