Giovanissimi a scuola di ruzzola e frisbee

La Figest e l'istituto comprensivo Villa San Martino hanno collaborato per far conoscere a 435 alunni giochi e sport tradizionali come la ruzzola, la boccia alla lunga, il rulletto e il frisbee. La Figest è impegnata a far crescere la passione per questi giochi già da bambini: saranno i nostri ragazzi i prossimi campioni?

Giovanissimi a scuola di ruzzola e frisbee

Giovanissimi a scuola di ruzzola e frisbee

Pesaro è capitale della cultura 2024. Ma la cultura nasce in primis nelle scuole, fermamente convinte a non dimenticare abitudini, giochi e sport tradizionali che ci hanno accompagnato nell’infanzia. Si è appena conclusa la prima importante collaborazione fra la Figest e l’istituto comprensivo Villa San Martino diretto dalla dottoressa Loretta Mattioli. Nelle scuole primarie don Milani, don Bosco e Cantarini, in tutto 435 alunni, per il Macroprogetto “Movimento in crescita“, i tecnici figest alternatisi nelle tre giornate, insieme agli insegnanti, hanno fatto conoscere e provare ai curiosi ragazzini, la ruzzola, la boccia alla lunga, il rulletto e il frisbee. Il coordinatore del progetto professor Matteo Fattori, ha espresso soddisfazione per la collaborazione con la Figest e la disponibilità dell’Istituto a replicare l’iniziativa dalla prossima primavera. La Federazione italiana giochi e sport tradizionali regolamenta l’attività dei propri tesserati ed è impegnata a fare conoscere l’attività sportiva nelle scuole coi propri esperti, convinta che certe passioni nascano e crescano già da bambini. Vista la curiosità dei ragazzini di scoprire questi nuovi giochi e la voglia di rifarlo, la domanda è: ma dopo Valentino Rossi, Filippo Magnini, Massimo Ambrosini, Stefano Sensi e mi scuso per altri, avremo in futuro un Filippo, un Mattia o un Alessandro campione di ruzzola, rulletto, freesbie o boccia alla lunga?

Giancarlo Rossi