Giunta: Biancani allo sprint finale. Ok ai due assessori di Villa Fastiggi

Il sindaco chiuderà domani le consultazioni ed entro la settimana ufficializzerà la squadra. Disco verde alla nomina di Mengucci e Nobili, da capire chi guiderà il consiglio comunale e chi andrà a Mms.

Giunta: Biancani allo sprint finale. Ok ai due assessori di Villa Fastiggi

Giunta: Biancani allo sprint finale. Ok ai due assessori di Villa Fastiggi

Facciamo un elenco che spiega tante cose. In consiglio comunale sono entrati da Villa Fastiggi Andrea Nobili, Sara Mengucci, Luca Pagnoni Di Dario, Luca Pieri e Monica Manenti (da Villa Ceccolini). Tra i primi dei non eletti c’è anche il segretario di sezione Andrea Salvatori. E’ facile capire perché Giorgio Baldantoni, vera anima della sezione di San Pietro in Calibano, appare visibilmente soddisfatto del risultato elettorale. Dovessero rimanere tutti in consiglio sarebbe un partito in più con cui ragionare e trattare. Sarà anche per questo che l’accoppiata Ceriscioli-Baldantoni ha detto chiaramente al sindaco Biancani che a Villa Fastiggi chiedono i due posti da assessore: Sara Mengucci e Andrea Nobili. Biancani in realtà aveva proposto qualcosa di diverso, ma la trattativa si era finora arenata. La presidenza di Marche Multiservizi a Ceriscioli al posto di un assessore? "No, grazie", ha detto subito il matematico. Lo stesso incarico offerto a Andrea Nobili per consentire al sindaco di non avere un assessore part time (Nobili non andrà in aspettativa dal lavoro)? "No, grazie", è stata la risposta in un giorno di Nobili. Curioso il fatto che si cominci dal fondo (presidenza di una controllata) per tenere insieme una giunta in gran parte scontata.

Villa Fastiggi avrebbe detto no anche a una terza proposta: Ceriscioli a Marche Multiservizi, Nobili assessore subito, Mengucci assessore dopo che Vimini sarà eventualmente stato eletto in Regione. Tutti no, insomma, ma alla fine dei conti prevarrà l’esigenza che ha Biancani di varare una giunta con il massimo livello di armonia possibile: quindi si va verso la doppia nomina di Mengucci e Nobili. Torna però in ballo la presidenza di Marche Multiservizi, che dunque non andra a Villa Fastiggi, ma diventa una casella in più da riempire, l’undicesima: 9 assessori (più un altro dopo le eventuali dimissioni di Vimini), il presidente del consiglio comunale e appunto il presidente di Marche Multiservizi.

I nomi in ballo sono quelli già noti: Vimini, Murgia, Pandolfi, Della Dora, Pozzi, Belloni, Frenquellucci, Nobili, Perugini, Conti e Mengucci. Resta da capire ci sarà il presidente del consiglio comunale (Perugini o Belloni?) e chi andrà a Marche Multiservizi. Resterà fuori Stefano Donnini del Faro, con cui Biancani ha però trovato un’intesa. Di certo, Luca Pieri tornerà alla presidenza dell’Aspes.

Domani Biancani terminerà gli incontri con i rappresentanti elle varie liste, entro la settimana dovrebbe varare la giunta.

Intanto Ceriscioli commenta così il suo nome fiito tra le ipotesi per Marche Multiservizi. "Se l’ipotesi di una mia candidatura era tempo addietro sicuramente vera – spiega – ora è più importante avere un equilibrio più generale, di partito e di alleanza. Ce ne faremo una ragione".

Insomma, la quadratura del cerchio è in arrivo.