Grazia Biscontini Ugolini
Grazia Biscontini Ugolini

Pesaro, 20 novembre 2020 - Grazia Biscontini Ugolini, autrice di libri e saggi sulla ceramica non solo pesarese, è morta ieri a Milano. Aveva 98anni. Viveva nel capoluogo lombardo da tantissimi anni ma Pesaro per lei era Pesaro. Non a caso partorì i suoi due figli Roberto e Giovanni all’ospedale San Salvatore e tutte le estati tornava nella sua città d’origine. Una passione, quella per le ceramiche, che è stato un po’ il ‘morbo’ della famiglia Ugolini perché il padre Giorgio aveva iniziato a collezionare oggetti d’arte già alla fine della guerra.

E Grazia Biscontini Ugolini, assieme ai fratelli Giuseppe, Guido e Carla aveva ricevuto in eredità una grande collezione, parte della quale è oggi conservata all’interno del museo civico. "Grande competenza, una grande signora – dice la storica dell’arte Anna Maria Ambrosini – ed il suo libro scritto sulla ceramica del Settecento è ancora oggi un punto di riferimento per tutti gli studiosi di ceramica. Una grave perdita per la cultura".

Anche Giancarlo Ciaroni, antiquario, un grande negozio anche nel cuore di Milano ha lavorato ed ha avuto contatti con Grazia Biscontini Ugolini: "Una signora dai modi molto educati ed anche autrice di un libro che per decenni ha rappresentato un punto di riferimento per tutti coloro che si occupano di ceramica".

Sposata Biscontini, ingegnere dell’Alfa e poi concessionario per tanti anni della casa di Arese a Fano, Grazia Ugolini in virtù della sua grande competenza è stata per oltre venti anni consulente esterna del museo della ceramica ospitato al castello Sforzesco di Milano. "Venne chiamata a collaborare – ricorda il figlio Roberto – per la grande competenza che aveva. Catalogò la collezione e faceva anche gli expertise, ma non è mai stata una dipendente. E’ stata sempre benissimo, grande lucidità, ma una caduta con la frattura del fermore, qualche mese fa, l’ha fatta precipitare improvvisamente". Grazia Biscontini Ugolini ha scritto due libri "I vasi da farmacia nella collezione Bayer" e quindi "Maioliche e incisioni. Tre secoli di rapporti iconografici", con altri studiosi. Sabato a Cristo Re i funerali alle 10 e 30.