Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 mag 2022

I suoni della foresta, un tesoro irripetibile

Domani proiezione gratuita al Cinema Nuova Luce di Urbino del documentario di David Monacchi. Il film ha già avuto 11 premi internazionali

10 mag 2022

di Giovanni Volponi Dalle Cesane alle foreste equatoriali, in oltre vent’anni di ricerca e registrazioni il musicista urbinate David Monacchi ha collezionato una libreria virtuale di suoni sterminata. Domani una parte di questo database sarà udibile – e visibile – da tutti in occasione di una doppia proiezione gratuita al cinema Nuova Luce, alle ore 15 e 17 (necessario prenotarsi su www.uniurb.itprenota). Sullo schermo verrà riprodotto “Dusk Chorus“, documentario di 62 minuti diretto da Nika Šaravanja e Alessandro d’Emilia e scritto e narrato dallo stesso Monacchi, specializzato in musica elettronica e docente di elettroacustica al conservatorio “Rossini“ di Pesaro. La pellicola, che ha avuto 11 premi internazionali, racconta la spedizione in Ecuador, che è solo una piccola parte del progetto complessivo del ricercatore urbinate, denominato “Frammenti di Estinzione – Il patrimonio acustico delle foreste primarie“, finalizzato alla conservazione dei suoni primordiali destinati a scomparire. Quando è iniziato tutto, Monacchi? "Da giovane, in una valle completamente schermata dal rumore delle strade, tra i monti delle Cesane e Canavaccio, nei pressi del lago di Santa Maria, non lontano da San Marino di Urbino". Che suoni la colpivano? "C’era tanto da ascoltare, specialmente tra maggio e luglio: insetti, usignoli, anfibi, il gracidio ritmato delle rane che oggi al lago non ci sono più. In natura, dove non ci sono suoni umani coprenti, ci sono sempre suoni interessanti". Quando l’idea di partire per la prima spedizione? "Nel 1998, ero rientrato da poco dal Canada, è nata l’idea di campionare i suoni di foreste tropicali ad altissima biodiversità. Ciò che rende quei luoghi diversi dagli altri è il fatto che più è alta la biodiversità, più l’ecosistema sonoro è complesso e unico. Il primo vero viaggio fu nel 2002, con Green Peace, nell’Amazzonia brasiliana". Gradualmente è nato il progetto “Fragments of Extinction“. "Sì, campionando vari luoghi primordiali del mondo. Ciò che mi interessa è mappare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?