Il calcio dilettantistico in lutto. Morto Sorrentino, storico dirigente

Salvatore, 75 anni, era arrivato nella nostra provincia da Torre del Greco per fare il carabiniere. Collaboratore del Montecchio, ma anche della Vis con cui sedette sulla panchina al "San Paolo" a Napoli.

Il calcio dilettantistico in lutto. Morto Sorrentino, storico dirigente

Il calcio dilettantistico in lutto. Morto Sorrentino, storico dirigente

Sentimenti di vicinanza e cordoglio da parte di tutto il mondo calcistico e non solo, sono state espresse alla famiglia di Salvatore Sorrentino, scomparso l’altra notte all’ospedale di Fano all’età di 75 anni. Originario di Torre del Greco Sorrentino si era trasferito da giovane carabiniere a Colbordolo e aveva messo su famiglia a Bottega di Vallefoglia svolgendo l’attività di autotrasportatore. Sposato con Anna da cui ha avuto la figlia Ylenia quest’anno avrebbe festeggiato i cinquant’anni di matrimonio e da dirigente sportivo. Ricoverato lunedì della scorsa settimana all’ospedale San Salvatore di Pesaro e poi in quello di Fano sembrava in via di guarigione. Purtroppo nei primi giorni di questa settimana le condizioni sono precipitate e nelle prime luci dell’alba di ieri si è spento. Sorrentino era conosciutissimo nell’ambiente sportivo.

Aveva iniziato come consigliere nella società di calcio di Colbordolo, fondando poi nel 1988 assieme al presidente Walter Filippini e a Ettore Mariotti le Frecce Azzurre (Terza categoria). Poi dopo essere stato partecipe della fusione con l’Azzurra Gallo Colbordolo è andato a ricoprire il ruolo di dirigente nella Vis Pesaro con l’allora presidente Bruscoli. Amava raccontare quando ci si incontrava su qualche campo di calcio, quel giorno che con la Vis Pesaro (in serie C) si sedette sulla panchina del ‘mitico’ San Paolo contro il Napoli. Qualche anno dopo ritornò a collaborare con il Real Montecchio (in serie D), poi a Santangelo in Lizzola, ancora Montecchio, Montelabbate, Atletico Gallo con il suo presidente Alessandro Sperandio e quest’anno con la K Sport Montecchio Gallo.

A testimonianza di quanto era amato I giocatori del K Sport Montecchio Gallo, la sua squadra del cuore, domenica nella partita con il Monturano avevano indossato una maglia con la scritta "Forza Sorre". Purtroppo Sorrentino non ce l’ha fatta lasciando un grande vuoto in famiglia e nel mondo del calcio della nostro provincia. Tra i tanti suoi amici e dirigenti sportivi c’è Ettore Mariotti direttore sportivo della Montecchio Gallo, che da lui andava tutti i giorni per parlare di calcio e di amicizia. "Era una persona speciale – ricorda con commozione Mariotti – tutti gli volevano bene, aveva sempre una parola buona con tutti, buono di animo, simpatico, gran lavoratore, , guidava i pulmini della prima squadra, instancabile e di cuore". Il funerale sabato alle 14,30 nella chiesa di Montecchio.

Amedeo Pisciolini