Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 mag 2022

"Il mio patrigno mi ha ferito al labbro". Ma era herpes. Assolto

10 mag 2022

Quella ferita sul labbro era un herpes e non il segno del colpo di mestolo. Assolto in appello dall’accusa di lesioni nei confronti della figliastra, R.M., un 58enne pesarese, residente a Tavullia. I giudici dorici hanno cancellato la sentenza di primo grado che gli aveva inflitto 600 euro di multa. "È la fine di un incubo per il nostro assistito – commentano soddisfatti i difensori, gli avvocati Alfredo Torsani e Anna Bartoli – dopo 4 anni sotto procedimento penale". Tutto era nato dalla denuncia della ragazza, all’epoca 20enne, figlia della moglie dell’imputato. La giovane aveva querelato il patrigno e anche la madre, per maltrattamenti e lesioni. Un giorno, dopo l’ennesima lite, aveva detto che lui l’aveva colpita con un mestolo sul labbro. La coppia era finita a processo e aveva spiegato che quella figlia non studiava, aveva brutte amicizie, riceveva lettere dal carcere, si presentava con regali costosi senza che spiegasse il motivo e chi glieli avesse fatti. Avevano detto di aver solo provato a darle una buona educazione. Erano stati assolti dai maltrattamenti, ma il patrigno condannato per lesioni. Non c’era referto medico: la ragazza non era voluta andare all’ospedale. Lui aveva negato di averla colpita e aveva sostenuto che si trattasse di un herpes. E lo stesso ha ribadito in appello dove sono emerse le contraddizioni delle testimonianze. "Lette le motivazioni – spiegano i legali – valuteremo se agire per calunnia contro la querelante".

e. ros.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?