I funerali di Juendi
I funerali di Juendi

Pesaro, 14 marzo 2019 - Palloncini bianchi liberati verso il cielo e un lungo applauso hanno salutato il feretro di Juendi Xhani, all’uscita della chiesa di Santa Marina Alta. Un centinaio di persone, questa mattina, hanno voluto ricordare così il giovane ventenne di origini albanese, scomparso tragicamente nell’incidente di domenica sulle Siligate.

LEGGI ANCHE Incidente Pesaro, morti due giovani e sei feriti sull'Adriatica

false

Compagni e amici di una vita, ma anche tanti parenti accorsi dall’Albania si sono stretti in un abbraccio attorno alla famiglia: la mamma Nadi, il papà Arben è il fratello Juxhin.
Un rito civile e non religioso, dove per ricordare Juendi sono stati letti alcuni pensieri:"Mi ricordo quando insieme passavamo i pomeriggi a guardare il mare parlando della tua passione - racconta una ragazza-, i motori. Eri semplice e gentile, sempre elegante e preciso”.

LEGGI ANCHE Incidente mortale Pesaro, come stanno i feriti

Commovente il discorso della mamma: "Ringrazio tutti per la presenza, l’unica cosa che riesco a dire è che la mamma non ti dimenticherà mai”. Mentre il papá ha voluto ricordarlo con un breve discorso nella sua lingua madre, l’albanese. “Io sosterrò i miei genitori - ha concluso il fratello Juxhin -, tutti voi però ora dovete sostenere me”.   Terminata la cerimonia un lungo corteo silenzioso ha accompagnato la bara verso il piccolo cimitero di Santa Marina Alta. Domani alle 10 nella chiesa Madonna di Loreto le esequie dell'amico Giuseppe Troisi.