"La giunta comunale ha perso il treno sul caso piscina"

La giunta di Fossombrone ha perso nuovamente l'opportunità di accedere ai fondi del bando "Sport e Periferie" per la riqualificazione della palestra-piscina comunale. Progetto Comune critica l'incapacità della giunta e chiede meno annunci e più progetti.

"La giunta comunale ha perso il treno sul caso piscina"

"La giunta comunale ha perso il treno sul caso piscina"

"La giunta ha di nuovo perso il treno sulla piscina: è la seconda volta", lo dice Progetto Comune. Il tema sono i fondi del bando “Sport e Periferie“: accedervi significherebbe riqualificare il complesso della palestra-piscina comunale. Scrive Progetto Comune: "Nonostante il Comune ci abbia abituati a questi fiaschi, avendo perso ben 17 milioni sul Pnrr, la notizia del mancato accesso al bando 2023 ci lascia comunque sorpresi. I due bandi, quello 2022 e quello 2023, disponevano di una dotazione finanziaria di ben 125 milioni di euro, che hanno coperto investimenti in quasi 300 comuni in tutta Italia. Tra questi, solo nella nostra provincia, troviamo Apecchio, Piandimeleto, Sassocorvaro e Pesaro. Anche per il progetto della piscina abbiamo assistito al solito copione da parte del vicesindaco Michele Chiarabilli, che, come per i progetti presentati sul Pnrr, ha imprudentemente annunciato le opere prima di conoscere l’esito dei bandi. Consigliamo alla giunta di rivedere il progetto, evidentemente non “centrato“ sul bando “Sport e Periferie“, altrimenti l’eventualità di un altro flop sarebbe concreta e non ci pare il caso di perdere altro tempo prezioso. Ricordiamo che quando la precedente giunta (5 Stelle, ndr) manifestò interesse all’acquisto della piscina il vicesindaco si oppose definendola “una bomba d’amianto“, per poi acquistarla a sorpresa a solo qualche mese dal suo nuovo insediamento. Insomma, alla luce della vicenda, oggi Fossombrone paga oltre al danno anche la beffa di questa “retromarcia“ politica".

La conclusione di Progetto Comune è una critica ma anche un’esortazione: "Un po’ meno annunci e più progetti. I treni passano e la città, per ora, sta a solo a guardare".

a. bia.