La Vuelle vuole la prima vittoria in casa. Stasera con Napoli un duello intrigante

La Vuelle Pesaro affronta l'anticipo della sesta giornata di campionato contro Napoli. Coach Buscaglia e la squadra sono carichi dopo la vittoria a Milano e sperano di regalare una soddisfazione al pubblico di casa. McCallum e Mockevicius sono pronti a dare il loro contributo.

La Vuelle vuole la prima vittoria in casa. Stasera con Napoli un duello intrigante

La Vuelle vuole la prima vittoria in casa. Stasera con Napoli un duello intrigante

Stasera l’astronave è pronta al decollo. Dopo due sconfitte casalinghe, il gran colpo piazzato a Milano ha rinvigorito il morale dei tifosi ma anche quello della squadra. Alle 20.30 arriva Napoli per l’anticipo della sesta giornata e la Vuelle cercherà di regalare una soddisfazione al pubblico di casa.

"Siamo molto contenti. Conoscevo la storica rivalità che Pesaro ha con Milano ma i ricoscimenti ricevuti in questi giorni mi hanno fatto capire quanto è radicata e quanto i tifosi la sentano sulla pelle – dice coach Buscaglia -. Abbiamo preso energia e sicurezza da una vittoria del genere perché, al di là dei turnover l’Armani resta fortissima e adesso vogliamo dare continuità al nostro percorso. Non abbiamo ancora vinto fra le mura amiche e ci teniamo particolarmente".

La settimana è corsa via veloce sulle ali dell’entusiasmo: Scott Bamforth dopo l’ennesima botta alla caviglia rimediata è rimasto a riposo fino a mercoledì ma poi si è unito di nuovo al gruppo: "Nonostante l’euforia che ci circondava, abbiamo cercato di continuare a fare quel che siamo abituati a fare: prendere le cose che ci ha cosegnato la partita precedente e preparare la prossima, in questo caso una sfida diversa per la tipologia di avversario che affronteremo, comunque sempre ben messo in campo – continua Buscaglia -, con tanto talento e altrettanta esperienza nei suoi uomini cardine. Hanno un’identità precisa e piacciono per questo".

C’è un bel rapporto che lega il coach della Carpegna Prosciutto a quello della Gevi, nato durante gi Europei del 2022, quando Buscaglia era Ct dell’Olanda e Milicic della Polonia: "Eravamo nello stesso hotel – racconta il tecnico biancorosso – e così abbiamo iniziato a chiacchierare e siamo diventati amici. Igor ha idee molto chiare sui due lati del campo, per batterli servirà essere solidi e precisi perché molti dei suoi giocatori hanno conoscenza sia del gioco che del nostro campionato. E non parlo solo degli stranieri, ma anche dei ragazzi italiani che escono dalla panchina come De Nicolao e Lever. Servirà un approccio forte, come quello avuto a Milano".

Un parquet quello del Forum, dov’è finalmente sbocciato anche McCallum che coi suoi 10 assist ha fatto girare la squadra senza dimenticarsi di essere pericoloso: "Ray sta cominciando a comprendere i ritmi del nostro campionato, dove non aveva mai giocato prima: in serie A non si può tenere la palla ferma e andare in extra-ritmo e piano piano il nostro play sta partecipando sempre più nella condivisione del pallone. Rispetto agli altri nostri esterni ha più doti di penetratore e le ha usate contro l’Armani, non dimenticando di innescare i nostri tiratori". Insomma, sembra aver trovato un equilibrio nella regia e lo staff confida che abbia capito come mantenerlo.

Sarà il debutto di Mockevicius, che torna ad indossare la sua casacca n.55 dopo cinque stagioni, riallacciando un filo che potrebbe essere prezioso: "E’ molto contento di essere tornato in un posto dov’è stato bene, conosce tutto di Pesaro, dalle strade della città agli spogliatoi e anche Bamforth, con cui ha giocato in Francia quindi l’inserimento sarà più rapido. Ma non cambierà molto, Totè continuerà a fare la sua parte e, visti anche i pochi allenamenti disputati con noi, stasera Iggy farà le sue veci, entrando dalla panchina quando serve".

Elisabetta Ferri