Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Giovanni Raffaelli morto, ha fatto il pane per 52 anni

Stroncato da un infarto martedì scorso a 76 anni. Dal forno in via Castelfidardo fino al meritato riposo del 2011

giorgia monticelli
Cronaca
Giovanni Raffaelli, oggi alle 15 i funerali a S. Veneranda
Giovanni Raffaelli, oggi alle 15 i funerali a S. Veneranda

Pesaro, 21 aprile 2022 - Lascia i due figli Raffaele e Massimo assieme ai nipoti Linda, Anna e Marco e la moglie e compagna di una vita Silvana. Un ultimo saluto difficile quello rivolto a Giovanni Raffaelli, deceduto a causa di un infarto nel pomeriggio dello scorso martedì, panettiere da una vita e conosciuto in città proprio per i suoi 52 anni di attività nel mondo dell’arte bianca, un ambiente che è sempre stato più di una passione per il 76enne pesarese. Un mestiere che ha tramandato anche a suo figlio Raffaele, ora titolare del ‘Polvere di Caffè’ in via Fratti e con altri 4 punti vendita sparsi per tutta la provincia di Pesaro e Urbino. Un lavoro antico che Giovanni Raffaelli inizia da prima degli anni 70, ma è proprio in quell’anno che riesce a mettersi in proprio assieme al suo socio Gresta. I due decidono di aprire il panificio ‘Raffaelli e Gresta’ in via Castelfidardo coronando così un sogno che Raffaelli ha sempre avuto: quello di fare della sua passione un mestiere. Negli anni ’90, poi, viene accompagnato in questo lungo percorso dal figlio Raffaele ed insieme, sempre mano nella mano, decidono di aprire il noto forno ‘Raffaelli’, un panificio tutto a conduzione famigliare che affianca padre e figlio nella stessa passione che gli unisce. "Mio padre mi portava sin da piccolino alla scoperta del mondo del pane. Io sono nato vedendolo lavorare la farina bianca e sentendo l’odore del pane appena sfornato – ha raccontato Raffaele Raffaelli, figlio di Giovanni Raffaelli -. Non solo mi ha fatto conoscere e amare questo mestiere, ma l’ho vissuto con lui al mio fianco fino alla sua pensione. Mi è sempre stato accanto e non mi ha mai abbandonato, nemmeno nei momenti più difficili perché questo non era solo il suo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?