SORRIDENTE Alessandro Antionioli, 24 anni, è morto giovedì scorso al cinema Uci di Bellocchi
SORRIDENTE Alessandro Antionioli, 24 anni, è morto giovedì scorso al cinema Uci di Bellocchi

Marotta (Pesaro e Urbino), 9 ottobre 2018 - E’ stata un’aritmia cardiaca a stroncare Alessandro Antonioli, il 24enne di Marotta morto improvvisamente nella serata di giovedì scorso mentre era all’Uci Cinema di Bellocchi a vedere un film col suo miglior amico Filippo Giraldi. Lo ha stabilito l’esame autoptico effettuato ieri pomeriggio all’ospedale di Fano dall’anatomopatologo dell’istituto di Medicina legale di Ancona Adriano Tagliabracci. Un’alterazione del ritmo che potrebbe essere stata determinata da una patologia congenita o, comunque, da una tendenza a sviluppare una simile grave problematica. Nei confronti della quale non sono state sufficienti né le pratiche messe in atto dalle persone presenti nella sala cinematografica su indicazione telefonica dell’operatore del 118, né i tentativi di rianimazione provati dai soccorritori specializzati intervenuti nel giro di pochi minuti.

LEGGI ANCHE Fano, muore a 24 anni al cinema. La mamma: "Figlio buono e straordinario"

I funerali di Alessandro saranno celebrati oggi alle 15 nella chiesa di San Giuseppe e saranno officiati da don Egidio Bugugnoli. Il feretro partirà da Fano alle 14,30 e dopo la santa Messa seguirà il trasporto al cimitero di Fano per la cremazione. La tumulazione avverrà poi al camposanto di Mondolfo. Sempre più numerose, in attesa dell’estremo saluto, le dimostrazioni di affetto nei confronti di Alessandro e dei suoi familiari: la mamma Silvana Emili, avvocato e consigliere comunale del M5S; il babbo Maurizio, con cui Alessandro lavorava nell’e-commerce nel settore arredamento; il fratello maggiore Andrea, 37enne, che vive in Canada; le nonne Elvira e Anna Maria; gli zii Roberto e Paolo; i cugini Riccardo e Giovanni.

Tantissimi anche i manifesti di cordoglio che tappezzano gli spazi di pubblica affissione. Quelli del comune di Mondolfo; del comitato della Croce Rossa di Marotta in cui il padre di Alessandro è volontario; della società sportiva dilettantistica Spes Arcobaleno Calcio; della pro loco di Marotta; degli ‘Amici del Movimento 5 Stelle’; dell’asd Marottese Calcio; dell’unione sportiva Marotta Calcio; e dell’associazione di volontariato ‘Mo.Ma.5’. «Era l’amico a cui sono stato econtinuerò ad essere più legato – sussurra, con un filo di voce Filippo Giraldi, che giovedì era accanto ad Ale in quei drammatici momenti –. Non lo dimenticherò mai».