Musica a Villa Borromeo Decolla il Cantiere sociale

Sono 120 i ragazzi partecipanti, provenienti da tutta Italia oltre che Cipro e Perù. Sabato alle 18 il Canto grande per la legalità, in piazza del Popolo con don Ciotti.

Musica a Villa Borromeo  Decolla il Cantiere sociale

Musica a Villa Borromeo Decolla il Cantiere sociale

Ha preso il via ieri a Villa Borromeo il Cantiere Sociale della Musica, prima tappa di un progetto triennale sostenuto dalla Fondazione Wanda Di Ferdinando. Il progetto si articola in tre sezioni: il Cantiere della Musica (in programma fino a sabato 1° luglio); il Cantiere dei Diritti (il primo incontro si terrà sabato nella Casa Circondariale di Villa Fastiggi); il Cantiere ambientale (previsto dal 23 al 30 ottobre nell’Istituto Comprensivo Gaudiano).

Il titolo del progetto prende spunto dalla meravigliosa esperienza del Cantiere di Montepulciano, che ebbe la sua prima edizione nel 1976 nell’omonimo borgo per volere dell’allora sindaco Francesco Colajanni e del celebre compositore tedesco Hans Werner Henze. L’idea fu quella di creare un nuovo tipo di festival che non venisse semplicemente ospitato dalla città, ma partecipato e vissuto da ogni suo singolo abitante. Oltre alla dichiarata vocazione didattica, il festival mirava a sovvertire i tradizionali ruoli di esecutori e fruitori, creatori e spettatori. Tutti dovevano avere un proprio ruolo, portare nel festival le proprie capacità, le proprie idee e il proprio lavoro.

In particolare il Cantiere della Musica verrà realizzato con cadenza annuale attraverso un campus estivo internazionale di ragazzi dai 10 ai 18 anni provenienti dai programmi educativi ispirati al Sistema di Orchestre e Cori Giovanili Abreu del Venezuela. Quest’anno il progetto vedrà coinvolti in totale 120 ragazzi provenienti da tutta Italia (Catania, Reggio Calabria, Roma, Latina, Treviso, Bolzano, Macerata, Vasto, San Salvo e Ascoli), dalla Grecia, da Cipro e dal Perù. Il progetto peruviano, Sinfonia por el Perù, si collega in maniera particolare alla nostra città poiché ne è presidente il tenore Juan Diego Flórez, Direttore artistico del Rossini Opera Festival.

Il campus si chiuderà sabato alle 18 con il Canto grande per la legalità, concerto in piazza del Popolo nell’ambito del CaterRaduno. Sul palco l’Orchestra LiberaMusica e l’Orchestra Sinopoli Junior, dirette da José Ángel Salazar Marín. Interverrà Don Luigi Ciotti dell’associazione Libera. Accanto alla Fondazione Wanda Di Ferdinando, sono partner del progetto il Comune di Pesaro e i Quartieri (in particolare Quartiere 1, Quartiere 3 e Quartiere 9), Rossini Opera Festival, Amat, Aspes, Marche Multiservizi, Arci Pesaro e Urbino, Università degli Studi di Urbino, Istituto Comprensivo Gaudiano, Casa Circondariale di Villa Fastiggi e Ludoteca Riù.