Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 lug 2022
21 lug 2022

Tampone rapido in farmacia, boom di richieste a Pesaro: "Da noi un centinaio al giorno"

Le richieste di vaccini, invece, sono vicine allo zero. Il sospetto è che alcuni positivi scelgano di non "denunciarsi" per evitare la quarantena

21 lug 2022
Luca Pieri, presidente di Aspes che gestisce le farmacie
Luca Pieri, presidente di Aspes che gestisce le farmacie
Luca Pieri, presidente di Aspes che gestisce le farmacie
Luca Pieri, presidente di Aspes che gestisce le farmacie

Pesaro, 21 luglio 2022 - Richieste di vaccini vicine allo zero nelle farmacie comunali, mentre sale il numero dei tamponi, anche se ad andare a ruba sono gli autotest. Molti però non tornano a confermare la diagnosi casalinga. Tolti i negativi, il sospetto è che alcuni positivi scelgano di non "denunciarsi" per evitare la quarantena.

Soprattutto ora che le vacanze sono alle porte. "Su questo ultimo dato, dei positivi che non si "denunciano" non ho il polso della situazione – precisa il presidente di Aspes e delle farmacie comunali, Luca Pieri – ma di sicuro posso dire che c’è stata una ripresa molto importante dell’attività legata al Covid, con una grande richiesta di tamponi negli ultimi 10 giorni che hanno mostrato un’incidenza di positivi molto alta. Non siamo ai numeri di questo inverno, ma siamo a 50 tamponi per farmacia delle 10 che abbiamo, 9 a Pesaro e una a Gabicce".

A spopolare invece sono gli autotest. "Ne vendiamo circa 100 al giorno – continua Pieri – segno che la gente si controlla e che quindi cerca di proteggere persone fragili che possono essere all’interno della propria famiglia o degli altri ambienti che frequentano. Se poi ci sono positivi che non vengono in farmacia a fare il test ufficiale, questo, ribadisco, non lo so".

A quota zero e dintorni, le richieste di vaccinazioni. "Questo succede per due semplici motivi – spiega il presidente – il primo è perché abbiamo gli hub che hanno sempre funzionato e quindi gli utenti si sono rivolti a quei centri e meno alle nostre farmacie anche se siamo autorizzati a farli. Secondo: la quarta dose è per i soggetti fragili e questa categoria di persone non si può vaccinare nelle farmacie".

e. ros.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?