"Nuova questura: occasione irripetibile a Villa Marina"

Il segretario Silp Cgil, Pierpaolo Frega, propone di destinare Villa Marina alla nuova Questura di Pesaro, sottolineando l'importanza di un edificio funzionale per la Polizia di Stato. Critica l'indifferenza della società civile e degli imprenditori locali, sottolineando l'opportunità irripetibile che si sta perdendo.

"Nuova questura:  occasione irripetibile a Villa Marina"

"Nuova questura: occasione irripetibile a Villa Marina"

Sul destino di Villa marina interviene Pierpaolo frega, segretario Silp Cgil. "Villa Marina a prezzi stracciati? Occasione irripetibile per destinarla alla realizzazione della nuova Questura. Da 20 anni mi sto battendo insieme a prefetti e questori ed altri rappresentanti sindacali, affinché Pesaro abbia un edificio decoroso, ma soprattutto funzionale per la Polizia di Stato. Ogni volta la soluzione pareva essere dietro l’angolo: carcere minorile (divenuto Centro per l’impiego), via Lamarmora (cuola), Intendenza di finanza (destinata ad altro), ecc... oggi una parte della caserma, che da sola non è sufficiente. Una volta mancavano i soldi, altre volte la destinazione d’uso, ecc.... Il tutto nell’indifferenza totale della società civile. Mai nessun imprenditore, gruppo, impresa, ha mai dato sostegno alla politica e alla comunità. Alla Polizia si è sempre chiesto, ma mai si è dato. La decisione di speculare su Villa Marina è chiara da anni, la posizione è invidiabile, la posizione strategica, la metratura non ne parliamo. Ingolositi dal prelibato boccone, si è finito con il tentare di svendere un bene su cui addirittura ci sono dei vincoli della Sovrintendenza, facendolo deteriorare, pur di soddisfare le mire imprenditoriali di questo o quello. Mai le imprese, soprattutto locali, hanno pensato oltre ai loro guadagni di redistribuire i loro utili alla società. Una questura funzionale è un bene per la stessa collettività, nel caso di Villa Marina, sono anni che la indichiamo come la soluzione migliore. È un’occasione irripetibile, che permetterebbe anche di lasciare libera la spiaggia in concessione attualmente, accontentando chi da anni la sta chiedendo. Noi ci siamo. La politica e la società facciano la loro parte".