Il delitto di via Chiaramonti, la vittima nel riquadro la vittima, Maria Cegolea
Il delitto di via Chiaramonti, la vittima nel riquadro la vittima, Maria Cegolea

Pesaro, 13 agosto 2019 - Maria ha lottato con le mani, le unghie, forse con qualcosa di tagliente. Cercando di barricarsi in bagno per sfuggire alla furia omicida del marito Andrei Cegolea. Ma lui, 47 anni, moldavo, operaio, ossessionato dalla gelosia, è stato più forte delle resistenze, aprendo la porta, scaraventando con una spinta o un pugno la moglie 42enne, ex badante, sopra il bidet fino a sradicarlo per poi soffocarla mortalmente per non farla urlare. Quando è stato rinvenuto il corpo, la donna era rannicchiata sotto la finestra da dove ha cercato di fuggire, nell’ultimo tentativo di difesa da quel marito che aveva cacciato fuori di casa un anno fa. Il quale, dopo l’omicidio, ha probabilmente vegliato la moglie una o due ore. Poi il suicidio intorno alle 15 o 16, è andato nel capanno degli attrezzi e si è impiccato con una corda che aveva acquistato da poco tempo. Per questo, i carabinieri della stazione di Pesaro e del Nucleo operativo radiomobile, ritengono che Andrei avesse preparato tutto da tempo sfruttando l’assenza delle due figlie che vivevano con la madre perché in vacanza in Moldavia.

Leggi anche Il drammatico appello delle figlie dei Cegolea: "Siamo sole, aiutateci" - Un delitto annunciato

false

L’appartamento al piano terra di una bifamiliare di via Chiaramonti (foto), una stradina chiusa nel quartiere di Santa Veneranda, è stato setacciato per ore alla ricerca di indizi ed impronte per la ricostruzione della tragedia. Ora è stato posto sotto sequestro. «La mamma non ne poteva più della gelosia di mio padre – ha raccontato la figlia Nadia, 23 anni, tornata ieri dalla Moldavia insieme alla sorella – spesso l’aveva picchiata anche di fronte a noi che rischiavamo di prenderle ma nostra mamma non aveva mai voluto denunciarlo. Diceva che altrimenti l’avrebbe rovinato. Pensavamo che fosse stato sufficiente farlo uscire di casa per tranquillizzarlo. Invece lui veniva tutti i giorni da noi ed aveva mantenuto le chiavi. L’ultima volta che abbiamo sentito la mamma risale alla notte tra venerdì e sabato. Diceva che non aveva voluto riprendere nostro padre in casa e l’aveva fatto uscire dicendogli di tornare a dormire nella sua camera presa in affitto a Pantano (in via Dandolo ndr). Non si sentiva in pericolo».

Ora sarà l’autopsia sui corpi disposta dal pm Narbone a chiarire come sia avvenuta l’aggressione mortale. E’ certo che le braccia dell’uomo presentano lesioni, quasi dei tagli da cui è uscito sangue. E’ il segno che Maria si è difesa con quello che ha trovato dopo aver visto abbattersi su di lei la furia del marito che continuava a controllarle il cellulare, a seguirla, a chiederle ossessivamente se avesse un altro uomo. Dice una amica di Maria, la rumena Cornelia che ieri si trovava davanti alla casa: «Povera amica mia, lei aveva paura che la uccidesse. Ogni tanto lo diceva che non viveva più per colpa della gelosia del marito. Ma non lo denunciava perché per la nostra cultura sarebbe stata una vergogna. Noi donne siamo abituate a subire in silenzio».