Pesaro, 25 dicembre 2018 - Omicidio a Pesaro. Un vero e proprio agguato in stile mafioso stasera intorno alle 18 30 in via Bovio nel centro storico di Pesaro. Due killer incappucciati hanno atteso che un 50enne alla guida della sua vettura parcheggiasse all'interno del garage della sua abitazione per scaricargli addosso almeno 30 colpi con pistole automatiche calibro 9 uccidendolo all'istante.

AGGIORNAMENTO Caccia ai killer, le indagini

AGGUA_35854689_201227

La vittima, Marcello Bruzzese, 51 anni, calabrese fratello di un collaboratore di giustizia era già sfuggito a un agguato di 'Ndrangheta nel luglio del '95 a Rizziconi di Reggio Calabria. In quell'occasione morì il padre Domenico e il marito di una sorella. Lui venne ferito gravemente ma sopravvisse. La vittima, di origini calabresi era arrivata in città con la sua famiglia (moglie e tre figli) la prima volta nel 2008 ma poi se ne andarono in Francia per un certo periodo. Tornarono a Pesaro recentemente, con un programma di protezione da parte dello Stato che riguardava lui, la sua famiglia e altri fratelli, forse lo stesso pentito Girolamo e sorelle che nella notte sono stati trasferiti in altre città italiane.

I due killer, travisati in volto con un cappello sugli occhi e bavero alto, raccontano persone che hanno visto fuggire delle ombre per via Cairoli, hanno agito con estrema determinazione, colpendo il 51enne a morte all'interno del garage in cui Marcello Bruzzese aveva fatto retromarcia con la sua Peugeot. E' stato ucciso con una valanga di fuoco prima ancora che potesse aprire la portiera per scendere.

 La fuga dei killer è avvenuta a piedi lungo le viuzze del centro storico. I carabinieri stanno cercando immagini da telecamere private disseminate in quella parte del centro. 

image

A terra sono stati ritrovati almeno 25 bossoli, quindici le pallottole hanno colpito la vittima ma è probabile che siano stati esplosi ancora più colpi di pistola.

L'agguato è avvenuto a pochi metri di distanza dal ristorante Da Sante, nota trattoria di pesce di Pesaro. Sul posto sono accorsi polizia e carabinieri oltre al pm di turno Maria Letizia Fucci anche il capo della procura Cristina Tedeschini, il pm Fabrizio Narbone e da Ancona il pm della Dda Daniele Paci che in passato si occupò delle indagini sui delitti della Uno Bianca a Bologna. Da quanto si è appreso, Marcello Bruzzese non aveva particolari protezioni esterne. Riceveva uno stipendio e una casa a spese dello Stato mantenendo però il suo stesso cognome, non certo impossibile da rintracciare. Conduceva una vita molto discreta, frequentava regolarmente le funzioni religiose e non svolgeva alcun lavoro. Per buona parte della notte, i magistrati hanno lavorato in procura nel ricostruire l'agguato 'ndranghetista. 

 

Aggiornamento

La Procura di Pesaro e la Distrettuale antimafia di Ancona procedono contro ignoti per omicidio volontario premeditato con l'aggravante mafiosa nelle indagini per l'uccisione di Marcello Bruzzese. La pista privilegiata degli inquirenti è che sia stato un agguato di 'ndrangheta.