“Oro e catrame“. Sabatino racconta lo stato della natura

La mostra "Oro e Catrame" di Beppe Sabatino alla Galleria d'arte Albani di Urbino denuncia il degrado ambientale attraverso installazioni e dipinti che rappresentano la natura inquinata e maltrattata. Un'esposizione che invita alla riflessione sul nostro rapporto con l'ambiente.

“Oro e catrame“. Sabatino racconta lo stato della natura

“Oro e catrame“. Sabatino racconta lo stato della natura

Prosegue fino al 25 giugno alla Galleria d’arte Albani in via Mazzini a Urbino la mostra “Oro e Catrame“, personale di Beppe Sabatino, docente di origini palermitane all’Accademia di belle arti di Urbino. L’esposizione è un grido d’allarme per la nostra natura offesa. Le opere esposte, alcune decine, sono installazioni composte da mordenti su tela e sculture, che compongono un insieme unico e inscindibile, tanto che non hanno ognuna il proprio titolo: sono tutte “Oro e Catrame“. Ed ecco che l’artista pone i pesci in sottilissime linee azzurre, o in angolini della tela, o addirittura fuori. I quadri dipinti con mordenti di varie tinte che si fondono e formano chiazze petrolifere sono il mare inquinato da cui i pesci fuggono come profughi. Altre opere presentano invece piccoli germogli che nascono sempre in queste aree inquinate; altri ancora dei boschi bruciati.

La mostra è aperta da mercoledì a domenica con orario 10,30 - 12,30 e 16,30 - 19,30.

g. v.