Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
28 mag 2022

Otto giornate culturali con la regìa del Fai

Si inizia con la apertura di Villa Severi a Pesaro, stracolma di opere d’arte. Il 9 giugno tutti a Ca’ Romanino, la villa ideata da Giancarlo De Carlo

28 mag 2022
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte
Alcune opere a Villa Severi di Pearo, una abitazione concepita per accogliere l’arte

Otto giornate estive per scoprire i tesori del territorio. La delegazione del Fai – fondo ambiente italiano – di Pesaro e Urbino inizia il tour aprendo Villa Severi, una casa-museo in via Kennedy, sul Colle Ardizio sponda Montegranaro. Le opere di Arnaldo Pomodoro in giardino e i quadri di Giorgio De Chirico, Mario Sironi e Filippo De Pisis in salotto saranno visibili oggi, dalle 10 alle 18. Un vero e proprio specchio del gusto e della personalità dell’ideatrice Meuccia Severi, prima capitana dell’industria pesarese. La villa, realizzata nel 1962 su disegno della stessa proprietaria, è immersa in un parco lussureggiante e curatissimo, grande circa diecimila metri quadrati.

La vegetazione incornicia la dimora e la piscina a forma di trifoglio (metà coperta e metà scoperta), custodendo alcune importanti sculture, solo una parte della collezione d’arte conservata dalla Severi, a cui è dedicata una Fondazione. Così arte, natura e bellezza si incontrano. Il costo della visita è di 3 euro per gli iscritti Fai e di 5 per tutti gli altri. Un luogo dove sabato 27 agosto si replicherà l’appuntamento, con una suggestiva serata di fine estate: un aperitivo con concerto a bordo piscina a cura del sassofonista Federico Mondelci.

Il 9 giugno invece a Urbino, all’associazione Ca’ Romanino, ecco che l’architettura di Giancarlo De Carlo incontra il paesaggio e la città rinascimentale, con un dialogo sulla salvaguardia del territorio e delle sue peculiarità. Domenica 26 giugno a Piagge, frazione di Terre Roveresche, ci sarà la festa dei volontari Fai nell’azienda Guerrieri, con una visita nelle cantine animata dagli scatti dell’associazione fotografica Kontrasti. Sabato 2 luglio a Isola di Fermignano un altro pomeriggio basato sulle letture. Il tutto nella residenza gentilizia dove, nell’agosto del 1578, Torquato Tasso concepì e compose la “Canzone al Metauro“. Giovedì 21 luglio tocca a Palazzo Ducale di Urbino. Ci sarà una visita riservata ai nuovi spazi espositivi della Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, a cura del direttore Luigi Gallo, con a seguire un concerto di musica antica nel cortile interno. Sabato 6 agosto ecco che si aprono i cancelli di Villa Monacelli di Rosciano, una dimora storica di origini settecentesche, con una visita guidata e l’accompagnamento musicale di Paolo Rampioni. Il ciclo di appuntamenti si chiude domenica 18 settembre a San Lorenzo in Campo, alla Farroteca Monterosso, azienda biologica del territorio. Una visita con merenda alla scoperta del cereale e delle sue proprietà nutritive.

Nicholas Masetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?