Passaggi è un successo "Ma c’è bisogno di tutti"

Sono state 35mila le presenze calcolate nelle varie sedi del festival di Fano

Passaggi è un successo  "Ma c’è bisogno di tutti"

Passaggi è un successo "Ma c’è bisogno di tutti"

"La convenzione con Fano scade nel 2024. Il problema principale non è dove organizzare il festival, ma come. Le condizioni economiche ogni anno peggiorano, per cui alla Regione Marche chiediamo un sostegno reale. Ma non solo. Al Comune di Fano chiediamo di intervenire sulle sedi del Festival: noi facciamo di tutto per valorizzare la città ma ancora abbiamo il Bastione Sangallo con una capienza minima e la San Francesco che necessità interventi urgenti almeno di manutenzione ordinaria".

A pochi giorni dalla chiusura dell’undicesima edizione di Passaggi Festival, da parte del direttore artistico Giovanni Belfiori c’è soddisfazione per il successo dell’evento dedicato al libro, ma anche una nuova richiesta di maggiore attenzione per il contributo positivo in termini di eventi culturali e presenze turistiche apportate dalla manifestazione libraria del giugno fanese. "Nonostante un programma mai così concentrato (137 eventi in totale in 5 giorni) - ha proseguito -, con molteplici appuntamenti in contemporanea, la risposta del pubblico è stata positiva in tutte le sedi del festival (ben 12 tra centro storico e lungomare) e nelle differenti rassegne librarie (16 in totale) che hanno privilegiato come sempre la saggistica, spaziando però anche nella poesia, nella narrativa e nei graphic novel". A raccontare meglio delle parole la portata di Passaggi 2023 sono i numeri: 35.000 circa le presenze complessive calcolate in tutte le sedi del festival nei 5 giorni dell’evento, 3.000 i volumi venduti in 5 giorni nella libreria e nei banchetti gestiti da Librerie.Coop, 306 partecipanti ai laboratori di Memo, Pincio e Torrette, 125 le persone dello staff coinvolte, di cui 40 studenti dei progetti Pcto (ex alternanza scuola lavoro) del liceo Nolfi-Apolloni di Fano. E ancora 184 ospiti, 96 i libri presentati, 68 le case editrici coinvolte. "Significativa anche la copertura mediatica che ha raggiunto le più importanti agenzie di stampa nazionali, quotidiani, inserti e giornali on line, settimanali e mensili radio ed emittenti televisive locali e nazionali, con servizi di stampo giornalistico e d’intrattenimento". Il festival è stato apprezzato anche sui social: lo hanno seguito fisicamente a Fano e virtualmente sulle loro pagine on line book blogger e influencer da migliaia di follower come la ‘lettricegeniale’ Elena Giorgi e ‘lavyrtuosa’ Giulia De Filippo e ne hanno ‘ripostato’ i contenuti autori, ospiti, partner e pubblico creando migliaia di interazioni (22.800 gli account Instagram e 135.000 gli account Facebook raggiunti dove ci sono state oltre 34.000 interazioni).

ti.pe.