Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 lug 2022
17 lug 2022

Petrucci va alla Corte dei Conti: "Spesi soldi per servizi mai avuti"

17 lug 2022

Il sindaco di Mombaroccio Emanuele Petrucci ha scritto alla procura della Corte dei Conti delle Marche per segnalare, a suo modo di vedere, uno spreco di denaro pubblico. E indica dei nomi. In particolare, il sindaco punta il dito contro i dirigenti di Marche Nord e dell’Asur area vasta 1, i quali avrebbero pagato 3 primari medici per anni in modo che garantissero l’efficacia dei "dipartimenti interaziendali funzionali" per un migliore collegamento tra ospedale e territorio.

Scrive il sindaco: "La presenza nel territorio della nostra Provincia di un’Azienda Ospedaliera avrebbe dovuto costituire una straordinaria opportunità per assicurare ai cittadini servizi di elevato livello qualitativo nel rapporto ospedaleterritorio. La dottoressa Capalbo condivide l’importanza di una visione territoriale della sanità ed anzi ha detto di esser rammaricata del fatto che ’l’organizzazione dei servizi nel pesarese ha sofferto di una difficoltà di comunicazione tra le Aziende’ aggiungendo poi che ’la sanità efficiente è quella che si organizza con l’integrazione fra ospedale e territorio’. Allora c’è un limite a tutto".

Continua il sindaco Petrucci: "A fronte di queste dichiarazioni, rendo noto di aver presentato un esposto alla Corte dei Conti a seguito di una irriguardosa risposta ricevuta dalla dottoressa Capalbo a seguito di una mia richiesta di dati ed informazioni proprio sui servizi sanitari da fornire ai cittadini tramite i Dipartimenti Interaziendali Funzionali. Chiedo di sapere se la Sanità ha pagato almeno tre medici con 14mila euro l’anno ciascuno dal 2016 per un servizio che non abbiamo mai avuto e se esistono dei rendiconti sulle attività svolte". Marche Nord rispose due mesi fa al sindaco e per conoscenza alla Regione, che il piano sanitario stava cambiando radicalmente e quindi quella organizzazione in dipartimenti extraziendali avevano perso di significato.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?