Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ponti Pesaro Urbino, ecco quelli a rischio. "Sono 40"

La Provincia tanti ne ha individuati (esclusi quelli dell’Anas) e notificati al Ministero. Dieci i casi urgenti

Ultimo aggiornamento il 1 settembre 2018 alle 14:37
Il Ponte Amelia sul Conca

Pesaro Urbino, 1 settembre 2018 - Il 13 per cento dei ponti della provincia di Pesaro e Urbino ha bisogno di interventi prioritari. In totale sono 40, certamente non pochi. A dirlo è la relazione ufficiale che lo stesso Ente ha inviato ieri al Servizio Viabilità al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’obiettivo è quello di segnalare le «indicazioni di priorità», come richiesto nelle settimane scorse dal ministro Toninelli. I tecnici provinciali – fa sapere la Provincia in un comunicato – «hanno svolto un monitoraggio sullo stato di manutenzione e conservazione dei 311 ponti di competenza della Provincia (esclusi quelli in fase di trasferimento all’Anas), stilando un elenco».

I primi 10 pinti in elenco si trovano sulla strada provinciale 2 “Conca” (ponte “Amelia” per il quale la Provincia, in collaborazione con Regione e Consorzio di Bonifica, sta definendo il progetto esecutivo); ci sono poi ponti sulla strada provinciale 78 “Ridolfina” (ponte “Scaricalasino” già chiuso); sulla Sp 42 “Frontone – Serra” (a Serra Sant’Abbondio), sulla Sp 11 “Carpegna – San Sisto” (a Carpegna); sulla Sp 81 “San Paterniano” (a Sant’Angelo in Vado) e gli altri sulla Sp 130 “Val di Teva” (per i quali già esistono limitazioni di carico).

«Dividendo invece i 40 ponti per aree – fa sapere la Provincia nella sua nota –, 6 sono sulla strada provinciale 130 “Val di Teva” (con la presenza, come detto, di limitazioni di carico); 5 sulla strada provinciale 2 “Conca” (Ponte “Amelia”, Monte Cerignone, Pietrarubbia, loc. Omaccia e Fosso Ca’ Cola); 1 ponte sulla Sp 78 “Ridolfina” (ponte “Scaricalasino” chiuso); 2 ponti sulla Sp 42 “Frontone – Serra” (entrambi a Serra Sant’Abbondio); 2 ponti sulla Sp 6 “Montefeltresca” (entrambi a Villagrande di Montecopiolo); 1 ponte sulla Sp 112 “Carpegna – San Sisto” (a Carpegna); 1 ponte sulla Sp 81 “San Paterniano”; 2 ponti sulla Sp 7 “Pianmeletese” (a Sant’Angelo in Vado e Piandimeleto); 2 ponti sulla Sp 37 “Sassocorvaro”; 1 ponte sulla Sp 61 “Borgo Pace”; 1 ponte sulla Sp 73 “Pontevecchio”; 1 ponte sulla Sp 65 “Cereto”; 1 ponte sulla Sp 72 “Sterleto”; 1 ponte sulla Sp 41 “Fratterosa”; 1 ponte sulla Sp 141 circonvallazione Pergola; 1 ponte sulla Sp 92 “Cerbara” (Ponte sul Metauro); 1 ponte sulla Sp 59 “San Lorenzo in Campo”; 1 ponte sulla Sp 92 “Cerbara” (Fano); 1 ponte sulla Sp 94 “Monterolo” (Pergola); 1 ponte sulla Sp 102 “Monteporzio”; 1 ponte sulla Sp 111 “Tarugo”; 1 ponte sulla Sp 120 “Rio Freddo” (Fratterosa); 2 ponti sulla Sp 3 Flaminia (Ponte degli Alberi e Sterpeti); 1 ponte sulla Sp 1 “Carpegna” e 1 ponte sulla Sp 18 “Mutino” (Frontino).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.