Premio a Lucia Annunziata "Barbato, grande guida"

"Passaggi festival", la nota giornalista rievoca in piazza la sua passione, commenta il riconoscimento ricevuto e presenta il suo ultimo libro.

Premio a Lucia Annunziata  "Barbato,  grande guida"

Premio a Lucia Annunziata "Barbato, grande guida"

"Andrea Barbato l’ho conosciuto quando era un grande guru del giornalismo. Amava i giovani, lo divertivano, noi eravamo agitati, lui era sempre calmo, la persona più calma che io ho conosciuto. Devo anche a lui molto, nel giornalismo l’importante non è essere maschi o femmine, piuttosto è avere qualcuno che ti guida, è un mestiere che devi imparare sul posto, e magari trovi qualcuno che ti straccia quel pezzo e ti dice, puoi fare meglio...."

Così ieri pomeriggio Lucia Annunziata ricevendo in piazza XX Settembre il Premio Giornalistico ‘Andrea Barbato’ dalle mani di Ivana Monti Barbato vedova del noto giornalista scomparso nel 1996 e del sindaco di Fano Massimo Seri. Prima della cerimonia di premiazione, sul palco centrale di Passaggi Festival 2023 aveva presentato il suo libro “L’inquilino. Da Monti a Meloni: indagine sulla crisi del sistema politico” (Feltrinelli), conversando con il presidente del Centro per il Libro e la Lettura Marino Sinibaldi.

Intanto oggi si accendono i riflettori sulla terza giornata del festival della lettura fanese che prosegue fino a domenica. Tra i vari ospiti, il presidente TIM e già direttore generale della Banca d’Italia Salvatore Rossi porterà sul palco del Chiostro delle Benedettine (ore 19) il suo “Breve racconto dell’Italia nel Mondo attraverso i fatti dell’economia” (Il Mulino) mentre nella suggestiva cornice della San Francesco alla stessa ora Annarita Briganti ci farà conoscere “Gae Aulenti. Riflessioni e pensieri sull’ Architetto Geniale” (Cairo Editore).

Alle 21 si torna a parlare di arte con Stefano Zuffi, autore del libro “Il Racconto dell’arte italiana. Da Bernini a Canova” (Hoepli), sul palco del Chiostro delle Benedettine insieme con Bonita Cleri, docente di Storia dell’Arte dell’Università di Urbino. E intanto si inaugura la mostra fotografica ‘Come in una vertigine realtà e messa in scena’ a cura di Associazione Centrale Fotografia: ore 21.15, visibile fino al 4 luglio al Caffè Centrale e a CentralEdicola, ingresso gratuito. Il primo appuntamento in piazza XX Settembre sarà alle 21 con Mario Giordano e “Maledette iene. Quelli che fanno i soldi sulle nostre disgrazie” (Rizzoli).

L’incontro si avvarrà della presenza di un interprete LIS, in collaborazione con la sezione di Pesaro e Urbino dell’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi. Sempre alle 21 al San Francesco Samuele Canestrari presenterà il suo ultimo progetto editoriale “Urlare alla morte con la testa nel cuscino”, pubblicato da Tricromia. Tanti gli appuntamenti nella tarda serata (alle 22): attesissimo è l’arrivo sul palco centrale di Nando Dalla Chiesa che converserà sul suo ultimo libro “La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica” (Bompiani) con la cantante e attrice Gigliola Cinquetti. Tornando alla San Francesco invece incontriamo il 49enne fanese Luca Lepri, recentemente diventato cieco, che presenta il suo “LL: Vignette mai viste!” (Self-publishing) in una conversazione con l’esperto di fumetti e curatore della rassegna Giovanni Di Bari (ore 21.50). A seguire, Silvia Ziche presenterà il suo “La Gabbia” (Feltrinelli Comics) con i critici di fumetti Virginia Tonfoni e Alessio Trabacchini.

In tarda serata (alle ore 23.00) altri appuntamenti di grande interesse a partire dalla presenza, in piazza XX Settembre, di Paolo Nori che presenterà il suo “Vi avverto che vivo per l’ultima volta. Noi e Anna Achmatova” (Mondadori). L’autore, attraverso un monologo con immagini, ci racconterà la figura della grande poetessa russa che, a quasi settant’anni dalla morte, è ancora di una potenza straordinaria.

Tiziana Petrelli