Quotidiano Nazionale logo
22 apr 2022

Presa mentre ruba, minaccia rappresaglie

Arrestata all’IperRossini 25enne romena dopo aver rubato scarpe e abbigliamento. Poi insulta anche i carabinieri che la portano via

Carabinieri in azione per arrestare romena che rubava all’IperConad
Carabinieri in azione per arrestare romena che rubava all’IperConad
Carabinieri in azione per arrestare romena che rubava all’IperConad

Ha rubato due paie di scarpe, qualche maglietta, e poco più visto che il valore complessivo del bottino era di 150 euro, dopo aver tolto la targhetta antitaccheggio. Ma una volta scoperta e bloccata, la responsabile del furto, una donna romena di 25 anni, già nota alla giustizia, ha dapprima chiesto al direttore del grande magazzino di voler pagare la merce che aveva rubato e quando si è sentita rispondere che in Italia non funziona così, e che l’avrebbe denunciata ai carabinieri, allora ha cambiato repertorio. Ha minacciato il direttore dicendogli che in caso di arrivo dei carabinieri, lei avrebbe chiamato appena libera dieci romeni suoi amici che in due ore avrebbero ripulito il grande magazzino per milioni di danni. Il direttore non gli ha prestato nessun ascolto attendendo l’arrivo dei carabinieri. E anche al loro arrivo, la donna ha rispolverato un altro repertorio di minacce e insulti contro i militari. Portata in caserma per l’identificazione, la donna è stata dichiarata in arresto per la tentata rapina avendo cercato di farsi largo con la minaccia nei confronti del direttore, il quale ha invece tirato dritto come è suo compito chiamando i carabinieri perché la malvivente rispondesse al giudice di quanto aveva fatto.

Non a caso, ieri mattina alle 12 la donna è comparsa davanti al tribunale per la direttissima preceduta dalla convalida del provvedimento di arresto in flagranza. Il giudice ha convalidato e si apprestava a celebrare il processo con rito direttissimo. L’avvocato difensore Stefano Vichi ha chiesto i termini a difesa e il processo è stato così aggiornato. La donna intanto ha ottenuto gli arresti domiciliari a Castelfidardo, a casa della madre. in attesa del processo.

I furti nei supermercati sono diventati una abitudine e la presenza dei vigilantes non basta più. Molti grandi magazzini hanno aggiunto anche una rete di telecamere che inquadrano tutti i settori merceologici limitando al massimo i furti lungo gli scaffali.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?