Pronti i lavori d’urgenza al Pala D Il Comune vorrebbe anche il volley Ci sarà il miracolo di Houdini?

Megabox, Italservice e tre squadre di basket (Loreto, Bramante e Pisaurum) aspettano con il fiato sospeso. Della Dora: "Pianificazione lungimirante per dare risposte positive a tutte le società sportive" .

Pronti i lavori d’urgenza al Pala D  Il Comune vorrebbe anche il volley  Ci sarà il miracolo di Houdini?

Pronti i lavori d’urgenza al Pala D Il Comune vorrebbe anche il volley Ci sarà il miracolo di Houdini?

Il pala D sarà rinnovato e a settembre sarà pronto ad ospitare buona parte delle tante società che lo vorrebbero nella prossima stagione come loro palasport. L’allarme affollamento che da queste colonne avevamo lanciato ha ottenuto l’effetto sperato.

Proprio in questi giorni una ditta ha effettuato il sopralluogo per i lavori preventivati, che non sembrano essere pochi. Riguardano innanzitutto gli spogliatoi, che hanno bisogno di una profonda revisione ed un reale ammodernamento. Inoltre sarebbero necessari – e non da oggi – lavori sia all’impianto idrico che all’impianto elettrico. Una revisione profonda per riportare la struttura a poter reggere una utilizzazione continua e senza sosta.

L’assessore allo Sport pare volerci fare capire di essere già avanti con il lavoro: "Pur non avendo avuto ancora richieste ufficiali da parte dalle società l’amministrazione comunale – scrive Mila Della Dora – ha già stilato una possibile programmazione per la gestione del Pala D del prossimo anno, inserendo quelle che potenzialmente potrebbero essere interessate all’utilizzo degli spazi (compresi eventuali allenamenti della Vuelle, se la VitriFrigo sarà occupata)". Quello dell’assessore sembra essere già un impegno: "Abbiamo una nostra pianificazione lungimirante che consentirà di dare risposte positive a tutte le realtà sportive, garantendo – dice l’assessore – non solo l’impiego per le gare ufficiali, ma anche quello per parte degli allenamenti settimanali".

La risposta sembra destinata soprattutto al presidente della Megabox Ivano Angeli che vorrebbe portare la squadra di A1 femminile di volley a Pesaro dopo i due anni passati a Urbino. Con l’aggiunta peraltro di non avere più tra breve nemmeno il palas di Montecchio per gli allenamenti. La società di Montecchio ha come obiettivo finale l’utlizzo del tanto attesao vecchio palas, che è ancora in fase di profonda ristrutturazione. Non è un casp che in quell’impianto il volley cittadino ha conquistato tre scudetti e Angeli ci pensa spesso. Tanto che al di là dei risultati la scelta di Urbino sarebbe ormai ampiamente archiviata.

In realtà l’affollamento del Pala D è soprattutto una vera sfida per il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, che per scelta non vuole dire no a nessuno, soprattutto nell’annata particolare di Pesaro capitale italiana della cultura. Ricci dev’essere un esperto di magie. Uno a cui il mago Houdini farebbe un baffo. D’altra parte la soluzione ipotizzata per l’uso del Pala D per la prossima stagione sportiva fa tremare i polsi: far stare insieme una squadra di serie A femminile di volley (Megabox), una di serie A di calcio a 5 (Italservice), tre formazioni di basket di B interregionale (Bramante, Pisaurum, Loreto), più l’under 19 del calcio a 5 e nel pomeriggio gli allenamenti dell’intero settore giovanile dell’Itaslservice, che Lorenzo Pizza ha deciso di non abbandonare.

Inoltre in contemporanea il Comune dovrà intervenire per sistemare la palestra Galilei e il Pala Baia Flaminia (se è possibile) per gli allenamenti di basket. Basterà? Avvertite Houdini...

Luigi Luminati