Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 giu 2022

"Qua taglieranno tutte le piante"

Fossombrone, l’associazione Lupus in Fabula fa una previsione: "Toccherà anche all’altro lato del viale"

2 giu 2022
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici
Viale Martidi della Resistenza a Fossombrone, oggetto di interventi urbanistici

Sugli ippocastani di viale Martiri della Resistenza torna alla carica Lupus in Fabula. L’associazione ambientalista contesta che per il recupero urbano di quel tratto di Flaminia si debbano abbattere tutti e 48 gli ippocastani che ci sono (sul lato destro, guardando Porta Fano) e avanza il sospetto che una volta abbattute le piante di quel lato non ci vorrà molto perché la stessa sorte tocchi anche a quelle sul lato sinistro (dove c’è la caserma dei carabinieri, per intenderci).

Scrive tra l’altro Lupus in Fabula: "Sembra, in base a notizie di stampa, che di 48 alberi osservati, soltanto 8 risultino classificati con il cosiddetto “codice rosso“, cioè da abbattere immediatamente; 11 in “codice arancio“, 17 in “codice giallo“, in totale 28 ippocastani che dovrebbero essere valutati con indagini strumentali approfondite entro 12 mesi, con un esito – si aggiunge – che potrebbe decretarne la morte o anche la sopravvivenza; ben altri 11 sarebbero classificati in codici verde e blu, cioè fondamentalmente sani. Ecco che il sospetto ventilato qualche giorno fa sembra dover diventare una certezza: quegli alberi, di un’età media di circa 70 anni, vanno abbattuti tutti non in quanto realmente ammalorati e rappresentanti un rischio per l’incolumità di persone o cose, ma in quanto costituenti un problema tecnico ed economico nella realizzazione dei lavori di recupero urbano di viale Martiri della Resistenza".

Ancora: "Si comprende, purtroppo che nella valutazione congiunta del sindaco e del dirigente dei Lavori Pubblici abbia molto più peso la valutazione di un possibile “risparmio“ in termini di gestione del viale, rispetto all’impegno in termini economici e burocratici derivante da indagini più approfondite sullo stato di salute delle piante. Con una valutazione approfondita sulla singola alberatura si avrebbe una diagnosi più precisa rispetto all’analisi speditiva già effettuata: ciò potrebbe portare a ritenere che non sia necessario, né tanto meno urgente, abbattere l’intero filare".

La “profezia“: "Non tragga in inganno che il previsto abbattimento di ippocastani riguardi attualmente soltanto 48 esemplari dei circa 70 presenti: è solo questione di tempo! Quando l’amministrazione comunale deciderà di procedere al cosiddetto recupero urbano dell’altra parte del viale, ad essere oggetto di possibile abbattimento saranno anche gli altri 20 e passa".

Adriano Biagioli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?