Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 gen 2022

"Questa città è già multietnica Non è giusto mettere regole così"

Medima Sabanovic viene dalla ex Jugoslavia ed è la titolare di un ristorante tipico bosniaco "Io non credo che sia razzismo, ma divieti come questo limitano troppo. Siamo nel 2022..."

27 gen 2022
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati
Medima Sabanovic di fronte all’ingresso del ristorante ‘Miss Sarajevo’ di via Abbati

Merima Sabanovic, a Pesaro, è per tutti "Miss Sarajevo". Titolare del ristorante di cucina tipica bosniaca in via Abbati se volesse potrebbe aprire in via Branca o in via Rossini, anche con l’entrata in vigore del nuovo regolamento del decoro urbano. Infatti il provvedimento non cassa i ristoranti, ma le gastronomie etniche "con cibo d’asporto che non facciano parte del patrimonio culturale enogastronomico locale e nazionale". Insomma il codice ateco 56.10.20. Miss Sarajevo ride. "Vero, ma la gente cosa ne sa del codice ateco? Se dici che un kebab non potrà più aprire perché non è cucina italiana, è chiaro che il rischio di passare per razzista c’è. Le ragioni per cui locali di fast food, finger food o di street food non potranno più nascere lungo gli assi centrali della città andavano spiegate meglio per evitare i fraintendimenti che ci sono stati". In generale ritiene che escludere bazar e asporto etnico dal cardo e dal decumano della città sia razzismo? "Personalmente da parte del Comune ho avuto sempre il massimo sostegno: no, non direi razzista. E’ comunque una decisione molto limitante: siamo nel 2022, la città è già multietnica". Ritiene che imporre la traduzione in una lingua comunitaria su insegne del negozio a fronte di espressioni incomprensibili per chi non conosce l’indiano, cirillico, cinese... sia razzismo? "No. È solo un fatto di praticità usare lingue più conosciute per le insegne del locale, ma l’imprenditore per incentivare la clientela e non solo i propri compaesani, lo fa da solo. Non deve essere imposto". I cevapcici – piccole salsicce con panino e salsa e cipolla fresca – sarebbero perfetti come finger food... "Certamente: rispetto ad avere un ristorante, il fast food è molto più conveniente. E’ un investimento di tutt’altro ordine. Per questo dico che per un imprenditore nel 2022, quella posta dal Comune, è una limitazione. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?