Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

Riaperto il Museo della ceramica

Al Collegio Raffaello una straordinaria raccolta di 600 pezzi

Ha riaperto ieri il Museo della Ceramica ospitato al primo piano del Collegio Raffaello. Dopo due anni di chiusura forzata per la pandemia, fino a tutto giugno sarà possibile visitarlo a offerta libera ogni venerdì, sabato e domenica dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19; su richiesta negli altri giorni. L’esposizione, inaugurata nel giugno 2017, raccoglie ceramiche che vanno dal 1705 (anno di fondazione del palazzo) ad oggi, limitatamente alle botteghe e agli artisti che hanno operato nella nostra provincia, in particolare a Pesaro, Fano, Urbino e Urbania. "Si tratta di una vasta raccolta – ci spiega Walter Monacchi, curatore – di 600 opere dei più prestigiosi ceramisti del territorio, principalmente di Otto e Novecento, con particolare attenzione ai nomi maggiormente riconosciuti, come Roletti, Gai, Bertozzini, Sora, Cartoceti, e alle botteghe più rinomate, come Casali e Callegari, Benucci e Latti, Castelbarco Albani, Molaroni e Mengaroni".

Sono rappresentate ben 14 botteghe pesaresi, 7 di Urbania e 4 urbinati, con alcune recenti acquisizioni come dei pezzi firmati dalla Regia Scuola d’Arte di Urbino o un’opera di Marcello Pucci vincitrice del Premio Sgarzini. Per info e prenotazioni: 349 6859133.

Giovanni Volponi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?