Lentamente, ma finalmente con date certe ed eventi già in calendario, sta per ripartire l’attività agonistica delle bocce. Una notizia che i quasi tremila tesserati marchigiani attendevano con ansia. L’autorizzazione definitiva della Federbocce è arrivata ufficialmente per la ripartenza già dal prossimo weekend e, nelle Marche, in attesa della definizione del calendario...

Lentamente, ma finalmente con date certe ed eventi già in calendario, sta per ripartire l’attività agonistica delle bocce. Una notizia che i quasi tremila tesserati marchigiani attendevano con ansia. L’autorizzazione definitiva della Federbocce è arrivata ufficialmente per la ripartenza già dal prossimo weekend e, nelle Marche, in attesa della definizione del calendario 2020-2021, sono già state allestite alcune gare estive. Due di queste riguardano la Provincia di Pesaro e Urbino (una senior il 17 luglio e una junior il 2 agosto) si svolgeranno alla bocciofila Metaurense di Calcinelli di Colli al Metauro con le qualificazioni in programma già oggi, lunedì 13 luglio. Ovviamente si giocherà nel rispetto delle regole sul distanziamento sociale e con tutte le cautele definite con precisione dalle linee guida della Fib. La Federbocce ha inoltre annunciato che tra settembre e ottobre si concluderanno i campionati di serie A e serie A2 oltre a quello societario femminile e a quello juniores, ma non i campionati di promozione di prima, seconda e terza categoria con conseguente blocco delle retrocessioni dalla serie A2. Tra queste, in serie A2 l’Oikos Fossombrone è a un passo dalla promozione in serie A. "Riprendiamo finalmente l’attività sportiva – ha commentato Corrado Tecchi, presidente del Comitato Regionale Marche della Federbocce -. Una bella notizia che trova immediatamente una grande risposta di iscrizioni da parte dei giocatori. Un fatto importante. Certamente il tutto dovrà seguire le prescrizioni che sono state emanate a tutela di chi gioca e degli addetti all’organizzazione. Le Marche anche questa volta dimostrano, se mai ce ne fosse bisogno, di essere una regione tra le più attive ed organizzate. Un grazie quindi a chi parteciperà agli eventi già in calendario e ancora di più a chi si è preso la responsabilità di indire gare di ottimo livello".