Le pattuglie di polizia intervenute all’ex scuola media di Pantano
Le pattuglie di polizia intervenute all’ex scuola media di Pantano

Pesaro, 12 gennaio 2021 - Urla, lanci di sedie, aggressioni, con due feriti e un’insegnante refertata ad una mano per una botta ricevuta. Rissa tra pakistani ieri pomeriggio alle 17 nell’ex scuola media di via Confalonieri a Pantano, sede della circoscrizione, dove si tengono lezioni di italiano per stranieri. Improvvisamente, è nato un diverbio tra due allievi della stessa classe, con urla sempre più forti.

Sembra che a dividerli sia stato un dubbio: quali ragazze connazionali invitare a pranzo nei prossimi giorni. Evidentemente uno aveva mente un nome e l’altro un nome diverso. Fatto sta, che la discussione si è molto animata con intervento a quel punto di altri tre pakistani che stavano sedendo le lezioni in un’aula diversa. A quel punto, il confronto si è spostato sulle sedie, visto che i contendenti hanno iniziato a tirarsele con veemenza lungo i corridoi della vecchia scuola. Un’insegnante ha provato a calmare i cinque giovani ma senza riuscirci ricevendo una botta involontaria ad una mano. A quel punto, è stato chiamato il 113 e due pattuglie della volante di polizia sono intervenute rapidamente per sedare la rissa.

Non è chiaro se i tre giovani pakistani intervenuti successivamente lo abbiano fatto per dividere o per partecipare alla contesa, fatto sta che la polizia li ha identificati. Uno dei cinque è invece fuggito alla vista della polizia, ma è stato identificato e verrà denunciato. Altri due sono stati refertati dal medico del 118 intervenuto sul posto e ne avranno per sette giorni. Infatti il lancio delle sedie non è stato semplicemente un gesto plateale. Ha colpito i destinatari lasciando il segno. Altri sono usciti dalle classe e qualcuno se n’è andato per evitare coinvolgimenti. C’è da dire che tutti i cinque pakistani protagonisti della rissa, hanno regolare documentazionme per rimanere in Italia e sono ospiti di strutture di accoglienza per stranieri. Il corso di italiano fa parte del programma di inserimento.

La polizia ha portato i cinque pakistani (tutti sui 20 anni) in Questura per l’identificazione e la denuncia a piede libero per rissa e lesioni. Non hanno saputo giustificare lo scatto di violenza solo per decidere chi invitare a pranzo nella loro struttura oppure da altre parti. Sembra che siano arrivati in Italia da poco tempo. La comunità pakistana a Pesaro è molto nutrita ma non sono mai emerse conflittualità importanti tra di loro.