Storico ristoratore muore tra le onde
Storico ristoratore muore tra le onde

Gabicce (pesaro Urbino), 19 settembre 2020 - Spiaggia di Gabicce. L’allarme scatta alle 13.05. Il concessionario dei bagni 11 allerta il servizio Nemo salvataggio che aveva già smesso l’attività da qualche giorno, domenica scorsa con il termine ufficiale della stagione balneare, ma il cui titolare Paolo Bratti era comunque vicino alla spiaggia. L’allarme è chiaro e inquietante. Non si trova più un uomo che era andato a fare bagno. Poi arriva la notizia che qualcuno ha avvistato un corpo supino in acqua fuori dagli scogli. Un corpo che galleggia. Una bagnina che si trova nei paraggi sale su una tavola e comincia a remare verso il punto in cui si vede quel corpo. Ma il tentativo si rivela una vera impresa. Il mare è molto mosso e le onde alte, la corrente contrasta qualunque tentativo di avvicinarsi. Nel frattempo arriva a dare man forte anche Paolo Bratti, titolare di Nemo, che inforca un moscone. Esce dagli scogli lottando con le onde come fa coraggiosamente anche la bagnina. Ora il corpo è vicino, tra i flutti e viene finalmente caricato sul moscone e trasportato a terra. Una operazione che richiede una decina di minuti, considerate le avverse condizioni del mare. L’uomo viene adagiato sulla battigia.
 

Nell’auto di "Nemo" ci sono tutti gli strumenti del primo soccorso in mare, compreso il defibrillatore. Paolo Bratti assieme ad un suo collaboratore, Davide Mattei che passava di lì per caso, inizia tutte le manovre di rianimazione con defibrillatore, ossigeno e altri dispositivi. Vengono allertati il 118 e la Guardia costiera. Il soccorso continua e nel frattempo arrivano due ambulanze da Pesaro che proseguono nei disperati tentativi. L’uomo viene identificato. E’ Romano Bartolini, 86 anni, titolare dei bagni due, i bagni Norma, nonché storico ristoratore del Bayon di Gabicce, uno dei locali più celebri della riviera. Per lui purtroppo c’è poco da fare. Poco dopo cessa di vivere. La notizia fa rapidamente il giro di Gabicce e non solo.
 

Romano Bartolini era uno dei simboli della ristorazione locale. Il suo Bayon richiamava turisti da tutta la regione e anche da fuori. Una costa irrinunciabile per chi veniva in vacanza da queste parti. E inoltre la persona, Romano, Stimato da tutti, come la sua famiglia che faceva ormai parte della storia di Gabicce e della impresa turistica della riviera. "Siamo sconcertati – dice Bratti – abbiamo fatto di tutto per salvarlo, ma purtroppo non è stato possibile. Conoscevo Bartolini da bambino. Per noi tutti era una figura storica, oltre a un bravo imprenditore anche una brava persona, appartenente a una famiglia che da sempre ha lavorato con successo in riviera, facendosi apprezzare da tutti".