Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 giu 2022

"San Bernardino forse nasconde affreschi dimenticati nel tempo"

Il restauratore Matteo Bacchiocca avanza un’ipotesi suggestiva dopo aver fatto alcune ricerche. Un disegno baroccesco avvalora la sua ipotesi e c’è persino un’idea sugli autori delle pitture

22 giu 2022

di Giovanni Volponi

San Bernardino, un colle dai tanti segreti. I recenti lavori di riqualificazione hanno risvegliato la curiosità di molti verso il complesso che, nato con l’antica chiesa di San Donato, consta anche di convento, chiesa di San Bernardino e cimitero. Dalla presenza di Bramante alle antiche tombe feltresche, dalle singolari cappelle del cimitero ai dipinti scomparsi dalla chiesa.

Ed è proprio su quest’ultimo argomento che si sono concentrati i pensieri di Matteo Bacchiocca, restauratore urbinate appassionato di storia dell’arte locale. Sì, perché se i trafugamenti dei Francesi sono ben noti, anche altre pitture, per la precisione affreschi, potrebbero essere sparite da San Bernardino: ma solo alla vista, celandosi ancora sotto l’intonaco.

"Per me, come per tanti urbinati – ci racconta Bacchiocca –, San Bernardino è un luogo caro. Quando i giorni scorsi abbiamo festeggiato il ritorno, seppur in copia, della pala di Brera, ho sfogliato alcuni libri che avevo per rinfrescare la memoria sulla sua collocazione prima della sottrazione napoleonica. E in uno dei cataloghi che ho riletto ho trovato un disegno molto interessante".

Si tratta di un foglio conservato agli Uffizi, attribuito a Federico Barocci, che mostra bene l’abside centrale e, in parte, quella destra. Alcuni dettagli sono abbozzati meno, altri più definiti. "Sono tre le informazioni che ricaviamo: la pala aveva una maestosa cornice la cui larghezza era pari all’altare sottostante; sulla destra dell’altare si apriva la porta per il campanile; nei pennacchi c’erano degli affreschi".

Ed è proprio questa la notizia interessante: se l’altare e l’abside sono stati modificati a fine Cinquecento per la costruzione del coro per i frati, la cupola invece non ha subìto interventi nel corso dei secoli. "Sotto l’intonaco dei pennacchi (le zone triangolari tra colonne e cupola, ndr) potrebbero quindi celarsi quattro affreschi: il buon senso fa presumere che, se il disegnatore non ha lavorato di fantasia, siano stati semplicemente imbiancati. Quando e perché, è tutto da scoprire".

Ciò che è certo è che il disegno è databile tra il 1491, data di ultimazione della chiesa, e la fine del ’500, quando fu realizzato il coro, e la postura ritorta della figura abbozzata ha chiare suggestioni michelangiolesche. Per cui gli autori, per rimanere nella cerchia ducale, potrebbero essere Battista Franco o Girolamo Genga, pittori che avevano avuto modo di studiare il Buonarroti. E quali sarebbero i quattro soggetti? "Se ipotizziamo una commissione dei duchi a omaggio del predecessore Federico lì sepolto, potrebbero essere le quattro virtù cardinali; oppure i quattro evangelisti, classico soggetto da pennacchi. Certo è che sarebbe un eccezionale ritrovamento".

Come verificarlo? "Quando il Comune – conclude Bacchiocca – installerà i ponteggi per imbiancare la volta, avremo un’imperdibile opportunità: fare dei saggi per vedere se c’è qualcosa sotto. Mi auguro che municipio e soprintendenza non si lascino sfuggire l’occasione".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?