Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

"San Marino valuterà se accettarci"

Da sinistra, Elia Rossi e Andrea Belluzzi
Da sinistra, Elia Rossi e Andrea Belluzzi
Da sinistra, Elia Rossi e Andrea Belluzzi

Alle parole sono seguiti i fatti. Il sindaco di Monte Grimano Terme Elia Rossi aveva definito da subito irricevibile la decisione dell’Ufficio scolastico regionale che stabiliva che la sua prima elementare fosse accorpata a quella di Mercatino Conca e quindi aveva lanciato la sua proposta: "Porteremo i nostri figli a scuola all’estero, a San Marino". Il piccolo comune della Val Conca confina infatti con la Repubblica di San Marino e i rapporti sono ottimi: "Sono stato subito ricevuto dal Ministro dell’Istruzione sammarinese –ha spiegato Elia Rossi– e ho potuto esporre quali difficoltà andremo ad affrontare. Lui ha accolto le nostre istanze e si è detto disponibile ad aprire un tavolo tecnico per capire come potremmo muoverci. Abbiamo un secondo incontro già fissato per la prossima settimana dove ogni parte porterà i propri aggiornamenti. Da parte mia incontrerò i genitori di tutti gli alunni del mio comune, il corpo docente e gli esponenti politici del mio comune per discutere la cosa ma, se questa è la considerazione del mio comune che ha l’ufficio scolastico regionale, siamo intenzionati a spostare tutto il ciclo di studi a San Marino, dall’asilo alle medie".

La questione per il sindaco Rossi è ad ampio raggio: "Non è solo una questione di scuola –commenta –, lo Stato deve farci sapere qual è la posizione sui piccoli comuni: vogliono forse toglierci tutti i servizi e costringerci ad abbandonare i territori? Abbiamo carenze a livello di sanità, di viabilità, il mio comune sarà l’ultimo in tutta la regione dove verranno fatti i lavori per la banda larga, ed ora vorrebbero toglierci anche la prima classe, con la certezza che nel giro di tre o quattro anni dovremo chiudere la scuola. Eppure i numeri degli iscritti ci sono, rimangono costanti negli anni ed addirittura il trend delle iscrizioni è positivo. Come ho già detto appena informato di questa scelta nel caso le mie classi venissero accorpate in un altro comune non metteremo a disposizione i mezzi del servizio di trasporto scolastico per portare degli alunni di Monte Grimano Terme in un’altra scuola. Ora però la Regione deve farci sapere da che parte sta, in questi giorni ho raccolto l’appoggio di tanti consiglieri del territorio che sono dalla nostra parte ma ora vorrei che anche il presidente Francesco Acquaroli prendesse una posizione in merito".

Andrea Angelini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?