Scrigno pieno di droga al Miralfiore. Era nascosto dentro un cespuglio

Polizia, carabinieri e Fiamme gialle passano al setaccio il parco: spuntano 47 dosi di hashish già confezionate

Scrigno pieno di droga al Miralfiore. Era nascosto dentro un cespuglio

Scrigno pieno di droga al Miralfiore. Era nascosto dentro un cespuglio

di Antonella Marchionni

Abbandonano il "tesoro dei pirati" e fuggono. Lo scrigno di legno è stato sequestrato ma, invece dei dobloni d’oro, conteneva 47 dosi di hashish già confezionate. E’ successo ieri al Miralfiore, durante un’operazione di controllo condotta da polizia, carabinieri finanza e vigili urbani. Durante il servizio di controllo le forze dell’ordine hanno passato al setaccio decine e decine di persone ed è stato arrestato un cittadino gambiano che era in possesso di 16 grammi di hashish, oggi ci sarà l’udienza di convalida. Lo scrigno, invece, è stato trovato dalle forze di polizia in un cespuglio.

Gli inquirenti avevano individuato un gruppo di persone che stazionavano in maniera sospetta intorno alla pianta. Quando hanno visto gli agenti e i militari, e hanno capito che si stava per mettere male, il gruppetto se l’è data a gambe lasciando lì tutto il bottino contenuto nello scrigno, che poi è stato sequestrato.

Il parco Miralfiore è sotto la lente degli inquirenti che stanno mettendo in campo ogni azione possibile per sradicare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti. Il boschetto che si trova tra via Cimarosa e via Solferino è il sorvegliato speciale frequentato, anche alla luce del sole, da pusher e assuntori abituali. Alcune settimane fa era stato ritrovato il corpo senza vita di un 44enne ucciso da una dose fatale di droga. All’indomani del vertice in Prefettura, inoltre, è stata presa la decisione di intensificare la video sorveglianza e riparare la rete divelta.