Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 apr 2022

Sempre più a rischio il tetto della Quadreria Cesarini. Il Comune stanzia 370mila euro

Preoccupazione per lo stato dell’immobile che conserva opere di importante valore

14 apr 2022
La Quadreria Cesarini di Fossombrone
La Quadreria Cesarini di Fossombrone
La Quadreria Cesarini di Fossombrone
La Quadreria Cesarini di Fossombrone
La Quadreria Cesarini di Fossombrone
La Quadreria Cesarini di Fossombrone

Al secondo piano della Quadreria Cesarini c’è una situazione di "assoluta emergenza". Lo scrive il consigliere di maggioranza Maria Silvia Nocelli, che ha un incarico "alla cultura e alla valorizzazione dei beni culturali". Il problema sta nel tetto, che è malandato e lascia passare l’acqua piovana. Questo potrebbe portare al danneggiamento delle opere appese alle pareti, tra quali “Paese“ di Giorgio Morandi e pregevoli dipinti di Marini, Caffè, Funi, e Usellini.

Lo stato del secondo piano è stato oggetto di un sopralluogo nei giorni scorsi, cui hanno preso parte i funzionari della Soprintendenza De Martinis e Farina, il sindaco Massimo Berloni, l’assessore Federica Romiti, la Nocelli, consigliere comunale e i dirigenti dell’ufficio Cultura e Turismo Antonio Andreani e dei Lavori pubblici Luca Spineto.

Il 29 settembre 1977 moriva il notaio Giuseppe Cesarini, lasciando la sua casa e la collezione di opere d’arte al Comune di Fossombrone, che la aprì al pubblico nel settembre 1988. Oggi la Casa Museo, con annessa la Quadreria, costituisce una delle più significative raccolte di pittura, scultura e grafica contemporanea della regione. Un bene storico-artistico da custodire, tutelare e valorizzare che, però, rischia di guastarsi irrimediabilmente. Gli amministratori e i funzionari della Soprintendenza hanno concordato tempi e modi di intervento al fine di mettere in sicurezza quanto prima le opere d’arte e poi valorizzare un patrimonio artistico e culturale di grande entità, attraverso un riallestimento espositivo della sezione Quadreria.

L’intervento di restauro e risanamento conservativo del tetto e della facciata della Quadreria Cesarini, quantificato in 370mila euro, è tra le priorità del piano delle opere pubbliche. Come spiega Maria Silvia Nocelli, "sarà tra i lavori da fare nel biennio 2022-2024, da finanziare, in tempi brevi, con l’avanzo di amministrazione".

a. bia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?