Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

Sette ballerini da paesi diversi ’Boys don’t cry’, la danza sul palco

Boys don’t cry conclude la stagione di danza promossa dal Comune e dall’AMAT (Teatro Sperimentale, lunedì 25 aprile, ore 21). Lo spettacolo è affidato all’impetuosa energia di Compagnie Hervé Koubi, dal nome del suo fondatore di origine algerina, ballerino e coreografo, nominato nel 2015 Chevalier des Arts et des Lettres.

Sul palco sette ballerini provenienti da paesi diversi che abbracciano la gioia trascendente della danza. Costruito su un lavoro della scrittrice francese Chantal Thomas, Boys don’t cry è una riflessione sulla costruzione dell’identità in una società "chiusa", attraverso momenti di parlato coniugati allo stile caratteristico della compagnia, tra hip-hop e fluidità contemporanea. Lo spettacolo fa riflettere su cosa significa scegliere di diventare ballerino per un ragazzo che proviene da Paesi dove la differenza di genere riveste un ruolo importante sui destini individuali.

Il lavoro gioca sullo stereotipo del giovane uomo che preferisce la danza agli sport "maschili" e sulla tensione che questa scelta può causare in famiglia e nella società. Solo attraverso la danza questo gruppo di giovani uomini riuscirà ad affrancarsi dalla mascolinità a cui la cultura dominante della società di appartenenza li vorrebbe destinati.

Nel 2009 Koubi collabora con la Compagnie Beliga Kopé della Costa d’Avorio alla creazione del lavoro Un rendez-vous en Afrique, un progetto che segna una svolta nella sua carriera: a partire dal 2010 comincia infatti a lavorare con un gruppo di dodici ballerini algerini e burkinabé che rappresentano l’embrione della futura Compagnie Hervé Koubi.

La coreografia è di Hervé Koubi e Fayçal Hamlat, il testo di Chantal Thomas e Hervé Koubi. I danzatori in scena sono Mijem Houssni, Zahid El Houssaini, Meherhera Nadjib, Elhilali Mohammed, Maamar Bendehiba, Guennoun Oualid, Benr Guibi Badr. Info e prevendita biglietteria Teatro Sperimentale 0721 387548 e circuito AMATvivaticket.

ma.ri.to.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?