Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 lug 2022
29 lug 2022

Si accascia in mare per un malore e muore

È successo ai bagni Wanda: Vittorio Di Marco, ex direttore dell’ispettorato del lavoro, stava camminando. Soccorso invano da bagnino e 118

29 lug 2022

Tragedia in spiaggia, la seconda per cause di malore quasi nello stesso tratto di spiaggia. L’allarme è scattato ieri mattina quando un bagnante ha accusato un malore in spiaggia mentra stava facendo una passeggiata. Si trattava di Vittorio Di Mauro, ex direttore dell’ispettorato del lavoro di Pesaro e Urbino, professionista stimato in città sul piano umano e professionale. Di Mauro aveva deciso di fare una passeggiata partendo da bagni Gabri, dove va al mare da tanti anni. Una volta in acqua, nonostante non fosse profonda, però ha accusato un malore. Il bagnino di salvataggio che si trovava nella zona è subito intervenuto e gli ha prestato i primi soccorsi. L’allarme è stato dato a bagni Wanda, in direzione Fano rispetto a bagni Gabri, dove Di Mauro è stato soccorso anche dal 118, davanti a tanta gente allarmata per l’ennesimo episodio. Purtroppo l’intervento di bagnino di salvataggio e sanitari non è servito. Vittorio Di Mauro aveva 84 anni ed era noto in città per avere ricoperto in passato la carica di direttore nell’ufficio dell’ispettorato del lavoro quando si trovava in viale della Vittoria, da dove poi è stato trasferito nella sede attuale di piazzale Matteotti. I colleghi di lavoro hanno voluto esternare poche ma significative parole, nel rispetto della riservatezza e del dolore della famiglia, a firma dell’attuale direttore Cristiana Di Muzio: "Il direttore e il personale tutto dell’ispettorato del lavoro di Pesaro e Urbino si uniscono al dolore della famiglia Di Mauro per la perdita del loro caro Vittorio". Nemmeno un mese fa poco distante, ai bagni 27 vicino all’hotel Excelsior, si era verificato un episodio simile: un uomo di 70 anni si era accasciato in mare mentre stava camminando, colpito da arresto cardiocircolatorio. Era stato soccorso da bagnanti, bagnino e 118, che avevano continuato a lungo i tentativi di rianimarlo.

d.e.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?