Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 lug 2022
29 lug 2022

Skórczewski, maestro del segno

L’Oratorio di san Giovanni ospita da oggi una mostra sul grande incisore polacco. Un grande omaggio a Urbino

29 lug 2022

Oggi alle ore 17,30 nell’Oratorio san Giovanni aprirà la mostra “Krzysztof Skórczewski. Ritorno a Urbino“. Da ormai sette anni la sala d’ingresso dell’antico oratorio ospita mostre di artisti di chiara fama, alternati a giovani talenti. Oggi torna a Urbino un maestro polacco dell’incisione, che in più opere omaggia Urbino e l’Italia. Presentata da Riccardo Tonti Bandini e curata da Marta Bruscaglia, Bruno Cerboni Bajardi e Giuliano Santini, l’esposizione è un’occasione di festa per l’autore, che compie 75 anni.

Krzysztof Skórczewski, tra i più importanti incisori polacchi, è nato infatti nel 1947 a Cracovia, dove vive e lavora. Nel 1971 si è diplomato alla locale Accademia di Belle Arti e nel 1976 a quella Reale di Stoccolma. Da allora ha inciso a bulino 250 matrici, insieme a una vasta produzione di pastelli e acquerelli. È stato docente in alcuni istituti polacchi e ha ottenuto numerosi premi internazionali. "La luce candida che bagna le città descritte da Krzysztof Skórczewski – spiega Tonti Bandini – consegna un’atmosfera mediterranea. Nelle stampe e nei disegni esposti in questa mostra il ricco tessuto narrativo è fondato dalla costruzione nitida dei segni, dalla messa in scena delle visioni poetiche dell’artista. Le illusioni delle architetture celano complesse organizzazioni. Le città sono cantieri per navi pronte a mollare le cime degli ormeggi e prendere il largo; alcune immagini sono riferimenti al mito delle rovine, ai lavori di Giovanni Battista Piranesi, alle torri di Babele di Pieter Bruegel". I monumenti autorevoli e famosi delle città sono spogliati del contesto urbano e rappresentati come cattedrali nel deserto, isolati e cinti dai solchi del bulino di Skórczewski. I segni paralleli descrivono campi di orzo, di grano, pettinati dal vento nei primi giorni estivi, pronti per la mietitura dopo il giorno di san Giovanni.

La mostra è promossa dall’Accademia Internazionale dell’Intaglio a Bulino, Confraternita di san Giovanni, Archivio Bruscaglia e Kaus Urbino. Si può visitare tutti i giorni a ingresso libero dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Spiega Giuliano Santini: "Non solo città, però: nelle stampe si ritrovano omaggi a Raffaello, velieri, e tanta natura. L’ambiente naturale è un elemento importante per Skórczewski; la natura sembra rivendicare il proprio posto". La mostra sarà visitabile fino al 31 agosto.

Giovanni Volponi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?