Quotidiano Nazionale logo
14 mag 2022

Stagione balneare Pesaro 2022 al via, anche per i baby vandali

I titolari degli stabilimenti lamentano fin da ora incursioni notturne con danni: porte e attrezzature rotte. "Serve subito la vigilanza"

alessio zaffini
Cronaca
Antonella Baronciani ed il suo collaboratore: ancora lo stabilimento non è stato colpito dai vandali
Antonella Baronciani ed il suo collaboratore

Pesaro, 15 maggio 2022 - Dici estate, stabilimenti balneari e tutto il resto, e dicei anche vandalismi. Sono già usciti infatti allo scoperto i "simpaticoni" che, dopo una birra o un drink di troppo, in piena frenesia iniziano a creare disagi all’interno delle proprietà balneari. Paletti degli ombrelloni tirati fuori, calci e pugni alle cabine sono solo alcuni dei danni che questi giovani vandali vanno a provocare nei vari stabilimenti.

Approfondisci:

Bandiere blu 2022 Marche: dove sono le spiagge premiate

«Sono atti vandalici che iniziano già a creare molte seccature, nonché ovviamente anche danni economici – commenta Maurizio Marconcini, titolare di Bagni Gino 15 – Solo due sere fa mi hanno rotto la porta di una cabina, rovesciato un bidone della spazzatura e estirpato un ombrellone. Una decina di giorni fa, invece, mi hanno anche rotto altre due porte delle cabine. Fortunatamente nulla di grave, però bisogna anche cercare di prendere provvedimenti per tutelarci. Noi abbiamo preso già la vigilanza per questo weekend, mentre dal prossimo fine settimana dovrebbe partire il servizio per anche gli altri bagnini. Questi sono molto probabilmente ragazzini, perché il tutto avviene o venerdì o sabato".

«Entrano all’interno delle strutture balneari, a volte anche rischiando di farsi male – commenta la famiglia De Biagi, titolare di Bagno Cral Le Poste 9 –. Avevamo un gioco per i bambini, un’arrampicata, che per sicurezza Covid avevamo tolto e messo all’interno delle vecchie Poste Telegrafoniche. Volevamo rimetterlo, ma era totalmente rotto; il problema è che non sappiamo nemmeno come abbiano fatto ad entrare a Villa Marina, visto che è tutta barricata".

La paura per questi eventi, quindi, cresce anche in chi, fortunatamente, ancora non ha avuto danni o disagi: "Il nostro materiale e capitale è tutto all’interno del nostro lavoro, è tutto qui – dice Antonella Baronciani, di Baronciani Beach 16 –. Con i tempi che corrono oggi il rischio aumenta di giorno in giorno e, di conseguenza, anche la necessità della vigilanza. Anche se abbiamo cercato di intensificare la sicurezza con le telecamere, c’è sempre qualcuno che gira. Se si vanno a fare esposti al Comune, molto spesso, si risolve poco, anche perché ormai chi fa i danni sa come muoversi e sa evitare le telecamere. Pensiamo che la vigilanza, almeno, possa essere un deterrente contro questi atti. È sempre meglio prevenire che curare".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?