Successo alla Raffaello Gravel

La terza edizione della Raffaello Gravel ha visto la partecipazione di circa 100 ciclisti provenienti da diverse città, affrontando percorsi impegnativi e godendo di eventi collaterali. Un successo che promette nuove sfide future.

Successo alla Raffaello Gravel

Successo alla Raffaello Gravel

Sono state circa 100 le persone che tra sabato e domenica hanno sfidato montagne e sterrati dell’entroterra partecipando alla terza Raffaello Gravel, corsa ciclistica non agonistica organizzata dalla Cicloducale. Tra loro, 20 temerari, come li definisce il presidente Gian Franco Fedrigucci, arrivati anche da Modena, Milano, Torino e Brescia per affrontare i monti Pietralata, Catria e Nerone nella “Trail“, percorso estremo di 239 chilometri inserito in programma per la prima volta. "Il primo è rientrato in Fortezza addirittura alle 23.18 del sabato, dopo essere partito da lì alle 7.30 – spiega Fedrigucci –. I rientri sono proseguiti fino alla domenica, tutti entro il tempo limite. Il percorso era difficile ed è stato gradito: dovremo puntarci anche in futuro".

Tante persone agli eventi collaterali, con gli espositori di settore e quelli di Distretto bio Terre marchigiane, "che ringraziamo", il villaggio Decathlon per bambini, la corsa #coloralavita insieme ad Avis, "fino al partecipatissimo concerto degli Stranivari e alla visione di Italia-Albania organizzata insieme al bar La Fortezza – prosegue Fedrigucci –. È una location che si presta per questi eventi. Domenica abbiamo riproposto i tre percorsi classici di gara e al termine abbiamo fatto un "pasta party".

n. p.