Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 lug 2022

Sull’altare il Cristo tatutato di Pino Mascia

Lo scultore espone una sua opera di grande forza evocativa, nata dal profondo dolore per la morte del fratello a soli 49 anni

29 lug 2022

La chiesa di san Francesco si arricchisce di un nuovo crocifisso, ma esso non è posizionato dietro all’altare principale (è in realtà su uno di quelli laterali), né è stato realizzato seguendo canoni tradizionali. Si tratta di un Cristo tatuato di Pino Mascia, artista e professore dell’Accademia di Belle arti di Urbino, installato a fianco dell’ingresso di sinistra dell’edificio e visibile a tutti.

"Spero che sia l’inizio del rilancio di questo mausoleo, punto di riferimento culturale – ha commentato Francesco Acquabona, responsabile Cultura della Provincia del Centro Italia per i frati minori conventuali –. Pino è entrato qui in punta di piedi, con intelligenza, facendo dell’umiltà un punto di confronto e presentando un’opera che potrebbe sembrare piccola, ma colpisce per semplicità e originalità. Non ne conosco di simili, con un Cristo tatuato. Segnare il corpo significa porre su di sé un simbolo che esprima valori e identità, oppure, in quest’epoca, coprire un vuoto o rappresentare il bisogno di dare un senso alla propria esistenza. Quando ho visto l’immagine del crocifisso, l’ho trovata molto interessante e ho invitato Pino a esporla qui: esorto ognuno a guardarlo, trovando in esso dei significati personali".

La genesi dell’opera risiede in un lutto che colpì il professor Mascia un anno e mezzo fa: la morte di suo fratello Stefano, a 49 anni. "Era un musicista, con una storia di musica e amicizia lunga 30 anni che parlava di una comunità, la Crew, generazione che usa il corpo tatuato come mezzo di comunicazione – racconta –. Al funerale, centinaia di suoi amici hanno affollato l’interno e l’esterno della chiesa: l’affetto, la sensibilità, il rispetto e la compostezza di questi ragazzi mi hanno confermato che nulla è come appare ed è questa la ragione scatenante del mio lavoro. Così è nata l’idea di studiare tali icone e il progetto di una crocefissione per una chiesa di Roma. È noto che nel Medioevo, dal XIII Secolo, i tatuatori incidessero immagini sacre a pellegrini e soldati cristiani, a testimonianza della loro presenza a Gerusalemme, e, proprio nelle Marche, ci fu un importante uso del tatuaggio sacro, già raccontato nel 1889 dall’etnologa Caterina Pigorini Beri, nel libro “Costumi e superstizioni dell’Appennino marchigiano“. Il saggio parla della diffusione massiccia di questa tecnica a carattere religioso nella zona di Loreto: proprio lì, nel santuario, si può vedere la più importante collezione al mondo di modelli usati per i tatuaggi sacri".

Nicola Petricca

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?