Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

Svolta Ferrovia, verrà arretrata anche a Fano

Ma la conferma deve ancora esserci. Ricci e Seri si sono incontrati con i tecnici per il tracciato

18 giu 2022
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici
Da sin, il presidente della Provincia Paolini, e poi i sindaci Ricci e Seri oltre ai tecnici

Arretramento della ferrovia, ora c’è in gioco anche Fano. Ieri mattina, i sindaci di Pesaro e Fano, Matteo Ricci e Massimo Seri insieme al presidente della Provincia Giuseppe Paolini, si sono incontrati per discutere di come far allungare fino a Fano l’arretramento della ferrovia, già decisa per Pesaro. Ricci fa sapere di essere stato al Ministero delle Infrastrutture "per perorare" la causa fanese e "aggiungere alla variante di Pesaro il nodo di Fano". "Ho spiegato – ha detto Ricci – che le due città possono avere caratteristiche simili nel tipo di arretramento e da parte del Ministero c’è piena disponibilità a ragionare". Per la realizzazione dell’arretramento della ferrovia fino a Metaurilia, con la stazione a Chiarucchia, dovrebbero servire 500 milioni di euro, contro i 3 miliardi ipotizzati fino a Marotta. Insomma Fano dovrà individuare il luogo in cui costruire la nuova stazione, mentre i tecnici e gli amministratori delle due città e della Provincia dovranno ipotizzare i tracciati ottimali da inviare a Ministero e Regione Marche, in attesa della visita a Pesaro del Ministro Giovannini, fissata per il primo luglio. Ricci parla di "un grande lavoro di squadra, per ottenere il miglior risultato possibile per lo sviluppo del territorio e l’ambiente".

Lo stesso sindaco Seri, afferma: "E’ una grande occasione, Fano e Pesaro insieme hanno un potenziale straordinario, ma nulla è stato deciso. Era importante confrontarsi per ragionare ed elaborare proposte condivise". Per il presidente Paolini "il grande lavoro fatto dal Comune di Pesaro, in particolare da Ricci, sta portando alla possibilità reale di arretrare la ferrovia". Su Fano si aprirà un dibattito anche se all’inizio dell’anno, dopo il confronto con tutti i capigruppo, di maggioranza e di opposizione, il Comune si era già espresso a favore dell’arretramento della ferrovia. La consigliera comunale di In Comune, Carla Luzi, che presenterà una interrogazione, invita a parlarne in consiglio comunale. "Leggiamo – commenta Luzi con tono polemico – sul profilo facebook del sindaco di Pesaro che a Fano si farà una nuova stazione ferroviaria, avremmo preferito saperlo per altri canali e da altri interlocutori". E ancora, Luzi: "Dove si pensa di far passare il tracciato in caso di arretramento? Ai margini o in mezzo alla città? Qualche mese fa il sindaco Ricci aveva prospettato la seconda soluzione, parlando dell’ arretramento all’altezza di Novilara. Forse sarebbe il caso di parlarne visto che quella opzione spezzerebbe a metà la città e potrebbe significare una galleria sotto Monte Giove".

Anna Marchetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?