Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 giu 2021

Tra abbandoni e bocciature Ecco i ’caduti’ del Covid

15 giu 2021
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi
Studenti di un liceo ritratti al Campus alla fine dell’anno scolastico: la foto risale agli anni scorsi

Più che pagelle le scuole hanno registrato veri e propri bollettini di guerra. I "caduti" da Covid – esito di due anni di Dad che ha provocato stanchezza psicologica, demotivazione, abbandono scolastico – ci sono stati ovunque. Al liceo Marconi – 27 sono stati i bocciati e 250 i rimandati a settembre con tassi in linea con lo storico – ben 5 però sono stati i non ammessi all’esame di maturità. "E’ vero. I ragazzi sono entrati in crisi" è l’osservazione del preside Riccardo Rossini. Al liceo Mamiani – l’Istituto più grande delle Marche con 2.150 iscritti – i bocciati sono stati 60. "Un dieci in più del dato storico", osserva il preside Roberto Lisotti. All’Agrario Cecchi 20 sono stati gli studenti che non hanno terminato l’anno scolastico, gettando la spugna prima del 5 di giugno. "Abbiamo fatto di tutto per tenere alto il morale e dare stimoli – osserva Donatella Giuliani, preside del Cecchi, partito con 1050 iscritti e arrivato a fine corsa in 1020 – compreso tenere aperto il convitto per quegli studenti con difficoltà ad avere la copertura telematica necessaria ad assolvere alla didattica a distanza, ma per i ragazzi del biennio passare dalla terza media fatta in dad nel 20192020 alle superiori, è stato difficile. Idem passare dal biennio alle materie di indirizzo del triennio è stato critico. Per cui per quanto abbiamo fatto laboratori che ci hanno sempre garantito un 25% di studenti in presenza durante tutto l’anno scolastico, il calo di rendimento l’abbiamo riscontrato come in tutte le altre scuole. Se l’organizzazione resta quella emergenziale, è necessario rivedere le metodologie". Altro fenomeno pesante è stata la bocciatura per via del numero di assenze, ben superiore alla soglia tollerata dalla legge. L’Istituto Bramante Genga su 850 iscritti ha registrato un 6% di non ammessi alla ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?