Ultimo in concerto ad Ancona
Ultimo in concerto ad Ancona

Ancona, 13 maggio 2019 - «Non sono bravo a fare i discorsi, ma voglio dedicare questa canzone – 'Farfalla Bianca' – a tutte le vittime della tragedia di Corinaldo. Un grosso in bocca al lupo ed un augurio di tanta forza ai familiari delle vittime». La dedica arriva attorno alle 22.30 di ieri, quando Niccolò Moriconi, in arte Ultimo, durante il suo concerto al Palaprometeo di Ancona, si siede sul pianoforte e comincia a suonare. Dei coriandoli bianchi scendono magicamente dall’alto, cadendo ovunque. Sono gli angeli di Corinaldo. Anzi, no, è solo scenografia. E tante lacrime di tristezza solcano i visi del pubblico, nel vivo ricordo di quella maledetta sera, alla 'Lanterna Azzurra'. Nessuna menzione specifica, dunque, ad Asia Nasoni, la 14enne morta in quella sera dell’8 dicembre 2018, alla discoteca di Corinaldo, per cui i compagni di classe, attraverso il Carlino, avevano fatto un appello rivolto al cantante, affinché – durante il concerto di ieri – venisse citata la loro compagna di scuola, Asia, scatenata ammiratrice di Ultimo.

Le «autorità di Corinaldo erano già in contatto con l’ufficio stampa» del cantante, fanno sapere fonti vicine all’artista, che è stato ascoltato, durante l’esibizione di ieri, anche dai parenti delle 6 vittime di Corinaldo, presenti al concerto in ricordo dei propri ragazzi. Una dedica, quella di Ultimo, che certamente non servirà a rimarginare le profonde ferite di un vuoto che ha scosso l’Italia intera. Ma che, comunque, ha fatto rivivere Asia e tutte le altre vite spezzate a Corinaldo: Benedetta Vitali, Daniele Pongetti, Mattia Orlandi, Emma Fabini ed Eleonora Girolimini. Una «Farfalla bianca» per ognuno di loro.