Vento forte, lampione finisce su un’auto

Dramma sfiorato: il mezzo, parcheggiato in via Dini, sarebbe stato utilizzato dopo pochi minuti da una mamma con un bimbo molto piccolo

Vento forte, lampione finisce su un’auto

Vento forte, lampione finisce su un’auto

Domenica pomeriggio. C’è vento forte, fortissimo in via Giannetto Dini a Urbino. Come su tutto il territorio da giorni. Un palo della luce, palesemente arrugginito e instabile, cade sopra un’automobile. Nessuno rimane ferito. Ma poteva andare diversamente, forse, se la giovane mamma con il piccolo figlio e il resto della famiglia avesse anticipato l’uscita di casa di alcuni minuti.

Infatti l’automobile, una Citroen C3 bianca, era la loro. Tra la preoccupazione per quanto successo da parte di tutta la via sono intervenuti i Carabinieri di Urbino, con loro gli operai e il personale dell’Ufficio tecnico del Comune poco prima delle 17 per i rilievi e spostare il lampione. Via Giannetto Dini, come molti sanno, è una zona residenziale alle porte della città che porta ai quartieri della Tortorina e della Piantata, scelta da molti urbinati per le passeggiate negli spazi verdi. Ma è anche sede di due alberghi, della caserma dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri Forestale.

A quell’ora nessuno era fuori e quindi non c’è stato il rischio di rimanere feriti, la Citroen invece ne ha pagato le conseguenze nella carrozzeria. L’automobile in questione ha riportato diversi danni, i più consistenti al finestrino lato guidatore che è stato frantumato dall’impatto, alla carrozzeria e c’è anche uno specchietto divelto.

Dal Comune di Urbino fanno sapere che il lampione caduto con il vento sarà celermente sostituito. Intanto però i residenti lamentano incuria nella zona: pali instabili e arrugginiti, strade sconnesse e manutenzione carente. Sempre da via Puccinotti confermano che le strutture per l’illuminazione, quelle più ammalorate, sono inserite nel crono-programma di riqualificazione della pubblica illuminazione attivato in questi anni. Quindi saranno sostituite in questi mesi con altri più impianti più moderni nella struttura e anche dal punto di vista tecnico, ovvero con la più economica illuminazione a lampade con tecnologia led.

Intanto, però, i cittadini rimangono saldi alla loro “battaglia“: ridare luce (in tutti i sensi) alla loro via.

Francesco Pierucci