A Colli al Metauro, che va al voto con un anno di anticipo per la nomina ad assessore regionale e la conseguente decadenza da sindaco di Stefano Aguzzi, si sfidano la lista ‘Insieme per crescere’ guidata da Pietro Briganti e la compagine ‘Energia in Comune’ del candidato primo cittadino Candio Curina. Si tratta di due schieramenti civici, il primo espressione della maggioranza uscente e il secondo più vicino alle forze di opposizione. Pietro Briganti, assessore in scadenza di mandato ai lavori pubblici, 51 anni, laureato in economia, impiegato in un’azienda privata, sposato e papà di due ragazze di 15 e 13 anni, non ha tessere di partito e ci tiene a precisare: "L’unica tessera, ideale, che posseggo è quella che invita all’impegno verso la nostra comunità. Il gruppo di maggioranza uscente ha voluto con forza la mia candidatura e per me è stata una scelta ben ponderata". Candio Curina, 70enne, è papà di due figlie di 33 e 31 anni, geologo ed ex dirigente scolastico, assessore e presidente dell’ex Comunità Montana del Metauro tra il ’90 e il 2000 e per 15 anni, dall’’85 al 2000, consigliere di minoranza nell’ex comune di Serrungarina. "Metto a disposizione dei cittadini – sottolinea - la mia esperienza insieme ad una squadra giovane, ma con grandi competenze".

s.fr.