Vuelle, è ora di rompere il ghiaccio in casa. Con la Bertram un’occasione da sfruttare

Mancherà anche Severini nella formazione di Ramondino. Buscaglia: "Non parlo degli assenti per non essere sorpresi dai presenti"

Vuelle, è ora di rompere il ghiaccio in casa. Con la Bertram un’occasione da sfruttare

Vuelle, è ora di rompere il ghiaccio in casa. Con la Bertram un’occasione da sfruttare

Si torna a giocare all’orario canonico domenicale, quello preferito dal pubblico (palla a due alle 18.15) e sarà interessante vedere quanti spettatori resisteranno alla tentazione di vedersela sul divano in chiaro su DMax per paura magari di un’altra delusione casalinga e quanti invece decideranno di prendere il biglietto sperando di vedere la Vuelle rompere finalmente il ghiaccio fra le mura amiche.

L’avversario (Bertram), bisogna essere onesti, arriva menomato, con quattro pedine in meno - mancherà anche Luca Severini, out da tempo per una tendinopatia al ginocchio - ed anche se non sono uomini di primo piano sono quelli che aiutano a rendere le rotazioni più lunghe, a tenere le forze fresche e preservare le prime punte per i momenti clou. Ramondino, comunque, non ha nulla da temere: ha tre lunghi da ruotare, tutti buoni, nonostante le assenze di Severini e Zerini e cinque esterni tutti di buona levatura per reggere almeno per una partita questa situazione di emergenza.

"Non parlo degli assenti, se no poi siamo sorpresi dai presenti" replica Buscaglia a chi sottolinea che Derthona arriva rimaneggiata all’appuntamento. Buona risposta quella del coach, che conosce bene il sistema di Ramondino e sa che la Bertram ha comunque una sua identità che può far valere anche con rotazioni ridotte.

"Saranno comunque messi bene in campo perché sono ben allenati – sottolinea ancora Buscaglia – quindi il nostro impegno mentale dovrà essere di livello". Seconda gara di Mockevicius in maglia biancorossa: con una settimana in più di allenamenti insieme ai compagni, probabilmente il lituano sarà più pronto ad aiutare nelle situazioni in cui è performante rispetto agli altri lunghi del reparto: "Iggy può ben occupare l’area in tante situazioni di gioco. E se con Napoli la palla non gli è arrivata sempre nelle situazioni di pick and roll, ora il suo miglior inserimento dovrebbe favorire queste azioni. Dobbiamo solo avere continuità". La chiave del match secondo il tecnico della Vuelle sarà "lavorare come team, soprattutto a rimbalzo. Dobbiamo impegnarci per far finire le buone difese con il rimbalzo per non vanificare lo sforzo fatto ed avere più prontezza sulle palle vaganti e su quelle recuperate". Se la Vuelle vuole regalare una serata felice ai suoi tifosi, pure la Bertram vuole rifarsi dopo il -28 beccato in casa da Brescia perciò sull’altro lato della barricata Ramondino sottolinea quali sono le insidie per i suoi.

"Ci aspetta una gara difficile a Pesaro contro una squadra bravissima a giocare in velocità, che ha esterni di talento e grandi tiratori – avverte il coach piemontese –. Diversi giocatori sono oltre il 40% in questa voce statistica, e Visconti che forse è il miglior tiratore da fuori ha basse percentuali. Questo fa capire quanto la Vuelle sia pericolosa con il suo gioco perimetrale. Si tratta di una formazione che spesso gioca con un assetto piccolo, perché sia Mazzola che Ford sono bravissimi a tirare da tre; il campo è molto aperto per sfruttare anche i roll a canestro di Totè". Banca di Pesaro sarà sponsor di questa partita con alcune iniziative che verrano svelate oggi. Gara affidata ai fischi di Giovannetti, Perciavalle e Capotorto.

Elisabetta Ferri