Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

IMPRENDITORE Lorenzo Ponselè guida il gruppo Acema che è attivo anche nel settore della ristorazione con 100 dipendenti. Tra un mese circa aprirà il nuovo ristorante «American Graffiti» in via Pertini, sull’Interquartieri. Il problema ora è il difficile reclutamento del personale

Pesaro, 19 aprile 2018 - Avete in mente quel nuovo edificio che si vede sull’Interquartieri, a ridosso del ponte dell’autostrada, di fianco al distributore Oil One? Sarà un ristorante. Si chiamerà America Graffiti (un altro così c’è a Montecchio di Vallefoglia). Aprirà tra un mese, oppure più tardi perché c’è un problema. Servono 35 dipendenti, ma per ora ne sono stati assunti solo 15. «Sembra incredibile – dice Lorenzo Ponselè, titolare del nuovo locale – ma non riusciamo a reclutare il personale. Non chiediamo nemmeno esperienza specifica ma sicuramente buona volontà e voglia di mettersi in gioco. Ovviamente cerchiamo giovani perché il locale ha quella caratteristica ma poi li formiamo noi con dei corsi specifici».

Aggiunge Ponselè: «Cerchiamo camerieri, aiuti cuochi, assistenti in cucina, in sala. Spesso vengono a chiedere di lavorare persone che potrebbero andare bene ma non vogliono essere assunte perché hanno l’assegno di disoccupazione e dunque non vorrebbero perderlo prendendo un nuovo lavoro. E tra la scelta di lavorare o di rimanere a spasso mantendendo l’assegno scelgono la seconda».

Pesaro, cercano tutti cuochi e pizzaioli. "Ma io ho 59 anni e nessuno mi vuole"

«Non volevo crederci – continua Ponselè – ma ho visto tanti ragazzi, con esperienza e adatti al mio locale, declinare la possibilità di essere assunti con un contratto regolare, con uno stipendio di oltre 1200 euro, ovviamente in base alle ore e all’impegno, e con l’aspettativa di una crescita in un’azienda che continua ad investire e che in questo momento dà lavoro nella sola ristorazione ad almeno 100 persone. Ci hanno detto di ‘no, meglio stare a casa’. Siamo increduli. C’è qualcosa che non torna. Come ho letto nelle vostre inchieste sul lavoro, dove pizzerie, ristoratori, imprenditori in genere, non riescono a trovare manodopera, anche nel nostro caso è difficile assumere. Vorremmo aprire a maggio, inizio di giugno, ma indiscutibilmente siamo indietro con la selezione del personale. Speriamo di recuperare e di trovare nelle prossime due settimane giovani motivati che vogliano imparare un mestiere con serietà e volontà».

Il ristorante America Graffiti, che avrà nel suo menù circa 130 portate, si sviluppa su una superficie complessiva di 750 mq disposti su 3 piani, di cui uno interrato. La cucina, ci tiene a sottolinearlo il titolare, sarà dotata anche di una linea dedicata alla preparazione di piatti senza glutine. All’esterno sorgeranno un grande parcheggio e un spazio dedicato ai bambini. Per chi volesse trovare un lavoro vero e in regola, può inviare un curriculum ad americagraffitipesaro@gmail.com

ro.da.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.