Giorgia Meloni con Francesco Acquaroli (Calavita)
Giorgia Meloni con Francesco Acquaroli (Calavita)

Macerata, 20 dicembre 2019  - Ha vinto Francesco Acquaroli. E’ lui il candidato del centrodestra per le Regionali delle Marche del prossimo anno (probabilmente in primavera). Il deputato, ex sindaco di Potenza Picena , ha battuto la concorrenza di Guido Castelli , ex sindaco di Ascoli Piceno, che fino a qualche settimana fa era il favorito.

LEGGI ANCHE Elezioni Marche 2020, la Lega stoppa Acquaroli

Poi il sorpasso, maturato già da qualche giorno secondo i rumors sempre più insistenti. E ora è arrivata l’ufficializzazione della scelta di Giorgia Meloni, che ha dunque preferito scegliere un uomo di Fratelli d’Italia della prima ora, piuttosto che Castelli, approdato recentemente nel partito dopo la fuoriuscita da Forza Italia.
 

Come noto, le Marche sono una delle regioni che il tavolo nazionale del centrodestra ha assegnato a Fratelli d’Italia.

"Nel rispetto degli accordi assunti con gli alleati di centrodestra che, oltre all’Emilia-Romagna e alla Calabria, riguardano anche tutte le altre Regioni nelle quali si voterà nel 2020 – si legge nella nota del partito – Fratelli d’Italia conferma il proprio sostegno, con convinzione e impegno, alla candidatura della senatrice della Lega Lucia Borgonzoni a presidente della Regione Emilia-Romagna e alla candidatura della deputata di Forza Italia Jole Santelli alla presidenza della Regione Calabria. Allo stesso tempo, sempre in base agli accordi assunti - che assegnano a Fratelli d’Italia l’indicazione dei candidati presidente nelle Regioni Puglia e Marche - annunciamo le candidature del copresidente del gruppo dei conservatori europei Raffaele Fitto per la Puglia e del deputato Francesco Acquaroli per le Marche. Come sempre, Fratelli d’Italia sarà coerente e leale rispetto agli impegni presi con gli alleati del centrodestra, e siamo certi che anche loro sapranno fare altrettanto. Lavoreremo insieme, con convinzione ed entusiasmo, per vincere in tutte le Regioni e garantire ai cittadini dei governi alternativi alla sinistra".